4 dicembre 2016

Alatri, sarà ballottaggio tra Morini e Pavia

“Il risultato non ci ha colto di sorpresa. Abbiamo girato la città in lungo e in largo, avevamo forte la sensazione di una buona riuscita della nostra offerta politica, sentivamo che gli elettori avrebbero premiato la scelta di puntare su un’aggregazione civica che tenesse lontani i partiti. I cittadini di Alatri vogliono cambiare, questo è il senso del voto di domenica. Una volontà di cambiamento rispetto agli ultimi cinque anni certificata dal fatto che il sindaco uscente è stato votato da appena un cittadino su tre. Penso che, tra le alternative in campo, il progetto amministrativo costruito sulla mia candidatura è quello che ha riscosso i consensi maggiori. Ora il confronto è a due. Da una parte la riproposizione di un modello di governo cittadino che ha fallito ed è stato bocciato in cabina elettorale, dall’altra parte ci siamo noi che abbiamo costruito una proposta alternativa vicina alla città e lontana anni luce dalla politica. Alatri ha colto il senso del nostro messaggio, ci ha premiato investendoci della responsabilità di veicolare e diffondere ancora meglio, nei prossimi quindici giorni, la profondità del nostro progetto amministrativo. Ringrazio tutti i candidati delle mie liste e tutti i cittadini di Alatri, anche quelli che in questo primo turno hanno votato altri candidati a sindaco. E rassicuro tutti loro: Enrico Pavia continuerà a presentarsi con schiettezza, coerenza e linearità. Chi voterà per Pavia lo farà per premiare il mio, nostro progetto, la nostra trasparenza, la nostra volontà di far ripartire una città oggi spenta e rassegnata. Da oggi si torna in piazza, per le strade, nelle contrade perché sono sicuro che la nostra idea di amministrazione troverà consensi anche lì dove, nella prima fase, non era risultata a abbastanza rivoluzionaria e innovativa”.