6 dicembre 2016

FMI ed ANCMA contro il caro pedaggio per le due ruote lanciano #metapedaggio

Parte domani la campagna contro il costo del pedaggio autostradale promossa dalla Federazione Motociclistica Italiana e dall’Associazione Nazionale del Ciclo Motociclo (ANCMA).

L’obiettivo dell’iniziativa, che mobiliterà tutti i motociclisti, è di sensibilizzare le concessionarie delle tratte autostradali nazionali ad applicare per i pedaggi dei motocicli, come già avviene in tutta Europa, tariffe inferiori a quelle delle automobili o addirittura gratuite. In Italia i motoveicoli sono trattati come auto di grossa cilindrata, infatti andare da Firenze a Napoli, percorrendo 468 Km, costa per una moto 33 euro come fosse un’autovettura. In Francia percorrere la Parigi – Lione, per un totale di 453 km, costa per le moto 20 euro mentre per le auto 33 euro.

Grazie al supporto del magazine Motociclismo che è in uscita con un’inchiesta dedicata, FMI ed Ancma hanno programmato un’attività di marketing virale attraverso la distribuzione di milioni di adesivi ed una campagna, sui social media, con l’hastag #metapedaggio.

L’elevato costo del pedaggio autostradale per le due ruote è un’anomalia tutta italiana che non prende in considerazione alcuni dati oggettivi come: la riduzione, dal 2008 al 2015, del 50% degli incidenti in autostrada causati da motoveicoli; il valore dei pedaggi pagati per le moto che è pari allo 0,5% del fatturato delle concessionarie; l’ingombro di una moto rispetto ad un’auto (un veicolo a due ruote pesa un sesto di un veicolo a quattro ruote e occupa un quarto dello spazio); l’uso delle due ruote migliora il traffico.

FMI ed ANCMA chiamano in causa anche il Governo, cercando di spiegare che la collettività potrebbe avere dei benefici dal maggior utilizzo delle autostrade da parte dei motociclisti. C’è bisogno che le Istituzioni si impegnassero affinché, quel 64% dei sette milioni di motociclisti italiani (fonte sondaggio di Motociclismo.it del 16.05.2016) che considerano l’autostrada più sicura delle altre strade per gli spostamenti, possano utilizzarla grazie all’applicazione di un prezzo del pedaggio equo.