8 dicembre 2016

#Banksy: Tra guerra, capitalismo e street art

Il genio di Banksy, l’artista più particolare e sconosciuto del momento, considerato il massimo esponente della street-art, arriva a Roma protagonista di ‘Guerra Capitalismo & Libertà’, la più ricca mostra a lui mai dedicata, ideata e promossa dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, a Palazzo Cipolla dal 24 maggio al 4 settembre. “Guerra, Capitalismo & Libertà” metterà in luce la visione artistica di Banksy di fronte agli avvenimenti sociali e politici internazionali.

In tutto, 150 opere tra dipinti, sculture, stencils, 50 copertine di dischi e oggetti rari, molti dei quali mai esposti in precedenza, che i curatori Stefano Antonelli, Francesca Mezzano e Acoris Andipa, hanno raccolto rigorosamente da collezionisti privati e, dunque, non sottratti alla strada.

“La mostra” – anticipa Emmanuele F. M. Emanuele, presidente della Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo –“ è unica nel suo genere anche per i temi che tratta: guerra, capitalismo e libertà, che sembrano essere le fonti primarie di ispirazione dell’arte di Banksy, connotata da una forte denuncia sociale, ma che sono anche i temi più attuali e urgenti del nostro presente”.” La volontà”, prosegue, “è dare voce a una modalità di espressione come la street-art, che porta l’arte fuori dai musei e la riversa nei luoghi alla portata di tutti, rendendola parte del nostro vivere quotidiano”.

Banksy è una delle figure più discusse dei nostri tempi, il suo anonimato ha catturato l’attenzione del pubblico internazionale già dalla fine degli anni Novanta. È un artista urbano che utilizza una vasta gamma di supporti, dalla pittura su tela, alle serigrafie e sculture, alle grandi installazioni, creando delle scenografie animate in cui ha coinvolto, occasionalmente, anche animali viventi.

Si delinea così tra provocazione e denuncia il profilo del artista “di strada” che utilizza le bombolette come strumento di protesta, suoi lavori si inseriscono infatti all’interno della cosiddetta “guerrilla art”, un movimento di natura illegale che si oppone alle iniziative del governo. Banksy tramite la propria arte lotta contro quegli aspetti della realtà su cui spesso si tende a chiudere un occhio: dal riscaldamento globale alle barbare tecniche di macellazione, dalla sempre maggiore diffusione dell’Aids in Africa alle guerre che tormentano il nostro pianeta, dallo scandalo del Datagate alla prepotenza della polizia.

Una delle caratteristiche che ha reso famoso Banksy è la sua abilità di entrare nei musei più importanti del mondo e appendere sue opere tra le altre già presenti. Spesso passano giorni prima che qualcuno si accorga dell’intrusione. I suoi temi preferiti in questi casi, sono quadri dipinti in perfetto stile settecentesco, con l’aggiunta di alcuni particolari completamente anacronistici (nobili del Settecento con bombolette spray, dame di corte con maschere antigas, ecc.).

Ha sparso per tutta Londra degli stencil di topi, i famosi Rats: curiosamente anagrammando la parola rat si può ottenere art (“arte”). Per sua stessa ammissione, si tratta di una coincidenza. Il soggetto dei topi è stato scelto in quanto odiati, cacciati e perseguitati, eppure capaci di mettere in ginocchio intere civiltà. “Se sei piccolo, insignificante e poco amato allora i topi sono il modello definitivo da seguire”.