11 dicembre 2016

Iran, Sude Khanian, imprenditrice iraniana: “Rimozione sanzioni grande opportunità per l’Iran”

Sude Khanian, imprenditrice originaria dell’Iran, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito ai cambiamenti dopo la rimozione delle sanzioni all’Iran. “E’ come se dopo giorni di forte tempesta, si sia riaffacciato il sole, anche se è ancora nuvoloso –ha spiegato Khanian-. Non è ancora il tempo migliore possibile, ma è sicuramente migliore rispetto a ieri. Visto quello che sta succedendo col prezzo del petrolio, il fatto che non ci siano più sanzioni viene percepito come una grossa opportunità, perché essendo sceso il prezzo il mercato diventa molto più competitivo. A livello governativo, stiamo vedendo che ci sono promesse d’investimenti dell’Ue che raggiungono anche i 22 milioni per aiutare l’Iran a crescere. Nel settore privato invece c’è una percezione diversa perché non si percepisce che le cose stiano migliorando in maniera forte, dato che a livello bancario ancora le sanzioni non sono state eliminate completamente. Il valore della moneta locale ancora non è cambiato e non si è ancora capito perché. Questo può avere un effetto concreto nel business del Paese. Le sanzioni non sono state un problema per tutti, ma per alcuni sono state un vantaggio. Il tasso di consumo è sceso del 22%. Con un tasso d’inflazione del 45% l’azione di Ahmadinejad non poteva essere sufficiente a tenere le cose in questa maniera. Come è vero il fatto che molte persone hanno perso soldi con le sanzioni, è vero che altri ci si sono costruiti imperi economici. Quando si sopravvive ad un uragano, quello che c’è dopo è una crescita. Quando si sopravvive alle sanzioni tutto ciò che viene dopo è comunque costruttivo”.

Italia partner economico dell’Iran. “Ai tempi di Berlusconi –ha spiegato Khanian- l’Italia era uno dei più forti partner degli Stati Uniti nel mantenere le sanzioni, mentre altri Paesi europei non erano sulla stessa linea. E’ vero che durante le sanzioni il legame commerciale tra i due Paesi è stato danneggiato. Ora però le relazioni economiche di base sono tornate ad avere fondamenta forti. L’Italia è percepita come un Paese in cui si può credere, c’è un grande rispetto culturale tra i due Paesi”.

Fonte: Radio Cusano Campus