28 febbraio 2017

La tassazione nel trading online: come dichiarare i guadagni derivanti dal forex

 

Per molte persone il trading online non è più materia sconosciuta ed arcana, anzi, il numero di trader aumenta giorno dopo giorno, anche qui nel Bel paese.

Dati alla mano, il trading online sta diventando una delle attività part-time preferite da parte di molti italiani. I motivi sono semplici: la possibilità di arrotondare lo stipendio e guadagnare profitti interessanti, così come l’entusiasmo e curiosità verso un mondo (quello della finanza) che fino a poco tempo fa era accessibile a pochi eletti.

Al giorno d’oggi infatti per fare trading online, che sia trading forex, opzioni binarie o trading in borsa, basta semplicemente avere un computer, una connessione ad internet e una cifra per iniziare (spesso anche bassa, come 100-200 euro). Una volta soddisfatti questi requisiti, chiunque può avvicinarsi al mondo del trading online, anche se prima è consigliato fare molta pratica, poiché in fin dei conti si tratta sempre dei vostri soldi.

Una volta che una persona prende dimestichezza con le dinamiche di mercato, potrà iniziare a godersi i primi profitti che non tarderanno sicuramente ad arrivare. Inizialmente potrebbero essere cifre basse per ogni singola operazione (dai 50 ai 100 euro), ma con il passare del tempo, se una persona riesce ad operare con logica e seguendo una delle tante strategie di trading, i profitti potrebbero anche raggiungere le tanto sospirate quattro cifre.

Quando arrivano i primi profitti sorgono spontanee alcune domande: i profitti del trading online sono tassati? Le tasse nel trading online devono essere pagate oppure tali profitti sono esenti?

Il trading online, seppur fatto part-time e non come lavoro principale, risulta essere comunque una fonte di guadagno, come ci si deve comportare con il fisco italiano per risultare in regola? Quesiti che vengono spesso sottovalutati da molti trader, fino a quando non si arriva al fatidico giorno della consegna delle dichiarazioni dei redditi.

La risposta su come sono tassate le plusvalenze guadagnate tramite il trading online ha un duplice sviluppo.

Per prima cosa dovremo controllare se il nostro broker funzionario agisce come sostituto di imposta, ciò significa che il trader si trova nel caso di regime sostitutivo, dove è il broker che si preoccupa di trattenere quanto spetta allo stato sotto forma di tasse. E’ sicuramente la via più semplice per il trader, perché non deve fare assolutamente niente a riguardo, ma allo stesso tempo è anche la via più rara che si può percorrere. Sono davvero pochi i broker forex, o broker di opzioni binarie, che si prendono l’onere di agire come sostituti di imposta.

Per tal motivo esiste una via alternativa: stiamo parlando del regime dichiarativo, dove il trader deve tenere conto di ogni sua singola operazione e poi  specificare l’ammontare dei profitti annuali nella dichiarazione dei redditi, tramite il modello unico per persone fisiche 2016. Una situazione non sempre facile da gestire, anche a causa dell’eccessiva burocrazia del nostro sistema fiscale dove basta sbagliare a trascrivere una cifra oppure compilare la riga sbagliata, che si rischia di invalidare l’intera dichiarazione dei redditi.

Per evitare potenziali problemi con il fisco è sempre meglio evitare di fare da soli, certo, ci si può informare consultando siti specializzati come meteofinanza.com, dove vengono trattati nel dettaglio tutti gli aspetti relativi alle tasse nel trading online, oppure è consigliabile affidarsi ad un commercialista professionista in grado di fornirci una consulenza in merito alla tassazione sul trading online o prendersi totalmente carico della nostra situazione fiscale.