9 dicembre 2016

Referendum trivelle: perché votare SI

Il prossimo 17 aprile gli italiani saranno chiamati a votare per il referendum abrogativo in cui si chiede di abolire la norma che consente alle società petrolifere di estrarre e cercare gas e petrolio entro le dodici miglia senza un termine di scadenza. Oggi, le concessioni per l’estrazione, entro le dodici miglia, sono bloccate, ma resta il fatto che a dicembre 2015 è stata approvata una norma che proroga le concessioni fino all’ esaurimento del giacimento. Con il SI il cittadini potranno cancellare questa norma ed esprimersi in modo chiaro in difesa del nostro mare.

Salvaguardare il mare da eventuali disastri ambientali e da uno sfruttamento incondizionato dei suoi fondali, attraverso le pratiche esplorative ed estrattive, significa proteggere l’ Italia da ulteriori deturpazioni, prendersi cura delle comunità che vivono di mare, sostenere le economie costiere e soprattutto conservare il mare per le generazioni future.

E’ anacronistico, oggi, continuare a parlare di energie fossili, quando, ovunque in tutti i summit internazionali, in tutti i maggiori think-tank del pianeta si parla di riduzione delle energie derivate da combustibili fossili per favorire le energie rinnovabili.

L’Italia, attraverso il suo governo, deve mantenere l’impegno preso alla Conferenza sul Clima, tenutasi a Parigi lo scorso dicembre, in cui si impegnava, insieme ad altri 195 paesi, ad abbassare la temperatura del pianeta terra di 1,5 gradi centigradi rinunciando all’utilizzo delle fonti fossili.

L’estrazione del petrolio è un affare per pochi, non produce ricchezza per le comunità che abitano i luoghi dove si trovano i giacimenti, anzi spesso è foriera di eventi infausti come i disastri ambientali e l’aumento di malattie tra la popolazione dovute all’inquinamento. Le royalty che la compagnie versano allo Stato ed alle Istituzioni territoriali sono pochi spiccioli rispetto ai rischi che corre il territorio ed ai guadagni delle aziende petrolifere. Si calcola che il progetto off-shore, Ombrina di Mare, abbia portato nelle tasche dei cittadini dell’Abruzzo circa 80-90 centesimi pro-capite all’anno.

L’occupazione è un altro tema posto a sostegno del NO o a favore dell’astensione dal referendum. La vittoria del SI non sancirà la revoca delle concessioni, ma stabilirà che le stesse siano valide fino alla scadenza del contratto. Le concessioni attive hanno una durata ventennale e prevedono, alla loro scadenza, la possibilità di proroga per trent’anni, questo significa che non si perderanno posti di lavoro. Se invece si vuole affrontare il tema occupazione, considerando l’industria petrolifera da un punto di vista generale, è noto a tutti che questo comparto non ha un’alta intensità di lavoro e quindi richiede meno forza lavoro rispetto ad altri settori industriali.

Il referendum, strumento di democrazia diretta previsto dalla Costituzione, è stato osteggiato dal governo Renzi, grazie al mancato accorpamento con le elezioni amministrative che ha prodotto un maggior costo per le casse dello Stato di circa 300 milioni di euro, e poi ignorato da gran parte della stampa organica all’esecutivo ed a certe consorterie economiche.

Partecipare al referendum, votando SI, significa risvegliare la coscienza collettiva anestetizzata dalla narrazione del potere renziano attraverso un atto di riappropriazione dello spazio democratico ed affermare una visione del paese fondata sui valori della Costituzione che riconosce tra i suoi fondamenti la tutela della comunità e del paesaggio.