7 dicembre 2016

MotoGP – Marquez, in Texas per rafforzare il primato

È stato un fine settima intenso, spettacolare e carico di imprevisti quello del GP in Argentina per la classe regina. A Termas de Rio Hondo la gara della massima cilindrata è stata soggetta la regime del flag-to-flag che ha imposto il cambio di moto a circa metà corsa. Il giorno prima, l’incidente accorso al portacolori Octo Pramac Scott Redding, ha imposto un cambi di organizzazione nella la fornitura di gomme e la pioggia caduta nella mattinata sudamericana ha mutato le condizioni dell’asfalto aggiungendo ulteriore imprevedibilità ad una situazione già non lineare.

Sopra tutto questo ha brillato la luce di Marc Marquez, pilota Repsol Honda, che nel GP degli imprevisti si è adattato più di chiunque altro e, grazie al suo box, ha trovato forza nelle difficoltà. Il talento di Cervera ora guida la classifica iridata con 41 punti e negli Stati Uniti potrà allungare ancora visto il grande feeling dimostrato con il nuovissimo tracciato americano: due vittorie nei due precedenti GP in Texas e un appuntamento del 2016 che si adatta allo stile di guida e alla moto del numero 93 HRC.

Nella classifica mondiale lo segue a otto punti Valentino Rossi, team Movistar Yamaha, che in Argentina ha conquistato una utilissima piazza d’onore. Le sue possibilità di fare 20 punti di bottino sembravano ormai perse ma l’auto eliminazione Ducati gli ha aperto la strada del podio. Rossi in America proverà a mantenere il suo slancio e la costanza di arrivi utili su un tracciato che lo ha visto solo una volta sul podio. Sarà per lui un GP delle Americhe di risultato provando ad infrangere la statistica ferrea di Marquez? Questi sono gli obiettivi del Dottore.

Il suo compagno di box e campione del mondo in carica Jorge Lorenzo ha faticato molto in Argentina. Il numero 99 ha iniziato la gara dalla prima fila in griglia di partenza ma poi è stato risucchiato nel centro del gruppo e, nel tentativo di recuperare, è caduto. Un fine settimana amaro per il penta campione che ora deve lasciarsi alle spalle la brutta giornata sudamericana e mettere tutto nel GP del Texas per tornare quello visto in Qatar, leader della gara che impone il suo ritmo e stacca gli avversari. Lorenzo è quarto in classifica generale con 25 punti a 16 da Marquez, la sua difesa dell’iride non è compromessa.

Come Rossi al GP di Argentina la fortuna ha giocato un ruolo fondamentale per Dani Pedrosa, pilota Repsol Honda. Il numero 26 di casa HRC ha interpretato una gara di costanza e di impegno seppur staccato dai più veloci; un atteggiamento che alla fine ha dato dei risultati inattesi con le due moto di Borgo Panigale nella ghiaia, Rossi che sale al secondo posto e il corridore di Sabadell che aggancia un insperata terza piazza. Peccato per la delusione esposta da Pedrosa a fine gara e nata dalle condizioni non ancora ottimali della sua RC213V; l’Argentina comunque significa il terzo posto iridato a 14 punti dal compagno di box e attuale leader mondiale. Bene in ogni caso in vista del COTA dove le Honda hanno sempre dimostrato di avere qualche cosa in più.

Poco da dire sul nero fine settimana argentino del Team Ducati. Andrea Iannone e Andrea Dovizioso gettano alle ortiche un doppio podio dal grande valore. Dall’asfalto del circuito di Termas de Rio Hondo Dovizioso si rialza e spinge la sua moto fin sotto la bandiera a scacchi, è tredicesimo ma conquista con un gesto eroico tre punti in classifica iridata. Ora è quinto dietro a Loreno grazie al secondo posto di Losail. Iannone invece è ancora a zero punti e in Argentina subisce l’ulteriore penalizzazione di 3 posizioni in griglia negli Stati Uniti e un punto in meno sulla patente. Dovizioso è sempre andato bene in Texas mentre l’obiettivo del suo compagno di scuderia è lasciarsi alle spalle il brutto inizio di stagione e fare bene.

Anche Maverick Viñales, Team Suzuki Ecstar, ha buttato via una bella gara in Argentina e punti preziosi per la sua posizione in campionato dove adesso è decimo. Il pilota catalano ha dimostrato però che il team Ecstar è da vertice e potrà confermare, con punteggio, queste aspettative negli Stati Uniti.

Uno dei protagonisti del GP in Argentina è stato Eugene Laverty, Aspar team MotoGP, che ha raggiunto il suo miglior piazzamento in MotoGP™. Con i problemi iniziali al suo prototipo e successivamente risolti, Laverty ha costantemente migliorato i suoi passaggi finendo la gara come il miglior pilota satellite. La sfida per essere il migliore dei non ufficiali è più accesa che mai tra l’irlandese che ha 17 punti, Pol Espargaro, Monster Yamaha Tech3 a 19 punti e Hector Barbera, Avintia Racing a 18. Dopo la battaglia entusiasmante in Argentina il trio è pronto a ripetersi negli Stati Uniti.

Il team Aprilia Gresini ha conquistato una incredibile doppietta entrando nelle prime dieci posizioni in Argentina, un grande risultato per il progetto veneto che dal Qatar ha iniziato a muovere i primi passi. Stefan Bradl ha guidato la carica delle frecce argento fino al settimo posto, Alvaro Bautista lo ha seguito da vicino al decimo. La moto italiana farà altri passi significativi in Texas con i due piloti attualmente al tredicesimo e dodicesimo posto in classifica generale

Cal Crutchlow portacolori LCR Honda, Yonny Hernandez del team Aspar MotoGP e Loris Baz, Avintia Racing, stanno vivendo un inizio di stagione difficile. Nessuno dei tre è stato in grado di terminare i primi due GP del 2016 a causa delle cadute che li hanno messi fuori dei giochi anzitempo.

La classe MotoGP™ sarà impegnata nella prima sessione di libere sul circuito delle Americhe venerdì 8 aprile, dalle 09:55 locali.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.