5 dicembre 2016

Roma – Marino: “Non mi candiderò a sindaco nella capitale”

Dopo aver fatto tanto parlare di se, iniziando dalla famosa Panda rossa e finendo con le sue dimissioni, Ignazio Marino torna sulla scena.  Come tutti sappiano tra non molto si svolgeranno le nuove elezioni per il sindaco di Roma e si era parlato della sua possibile ricandidatura, scelta che sarebbe stata non poco avventata dopo l’enorme flop fatto durante lo scorso mandato.

Durante la presentazione del suo libro “Un marziano a Roma” tenuta presso la libreria Feltrinelli di via Appia nuova, l’ex sindaco dice ai suoi “supporters”: “So di darvi un dispiacere, non mi candiderò a sindaco di Roma, vi chiedo di scegliere insieme un uomo o una donna che non sia io, che possa guidare la città di Roma, vincere le elezioni e continuare il lavoro fatto”.

Successivamente prende di mira il premier Matteo Renzi, “un presidente del Consiglio eletto da una direzione nazionale di 80 membri”. Per non parlare dell’ex assessore PD Stefano Esposito, “uno che non si presentava in giunta, ma non lo dico io, basta leggere i resoconti comunali”. Un’altra vittima delle polemiche di Marino è il candidato Pd a Roma, Roberto Giachetti. “Ho un rimprovero da fargli: se una persona davvero crede in questa città e pensa di dedicare tutto il suo tempo a Roma per fare la campagna elettorale dovrebbe lasciare la poltrona. Potrebbe copiare le righe che io ho scritto al presidente del Senato quando mi sono dimesso per la campagna elettorale”. E ancora: “Nel 2008 Rutelli non è andato bene – ha aggiunto Marino -, ora hanno scelto il capo gabinetto di Rutelli. La prossima volta cercheremo il candidato tra gli uscieri della giunta Rutelli degli anni ’90”.

Polemiche a parte, Marino si dice preoccupato per le sorti della città. “Nessuna tra le candidature ha il profilo giusto per governare la città”. Ecco perché si rivolge alla platea, e in particolare all’ex vice sindaco Luigi Nieri per la scelta del futuro candidato. “Sono sicuro che in questa sala ci sia un uomo o una donna che noi possiamo sostenere e votare” e ancora “ Io ho molto riflettuto e penso che il candidato sindaco debba avere delle caratteristiche che in questo momento nessuno dei candidati ufficiali ha. Deve provenire, in una fase in cui i partiti hanno dato il peggio di sé, dalla società civile, non deve essere scelto da qualcuno in qualche stanza ma si deve di mettere a disposizione di Roma 5-10 anni. Io mi iscriverò a Parte Civile”

Ma chi sarà mai?, si domanda qualche cittadino uscendo dalla libreria. Di certo, però, nella conclusione del suo intervento Marino evoca il cambiamento di Roma, ma anche “del nostro Paese”. Perché ”tutto il Paese – insiste – ha bisogno di voi”. Insomma, oggi Marino esce di scena. Ma domani potrebbe tornare. E candidarsi – come ha scritto la Stampa – al congresso del Pd del 2017. Provando a contendere la leadership a Matteo Renzi, della serie “a volte ritornato”.