11 dicembre 2016

Roma – Marchini: “C’è un blocco clientelare di 300 mila voti spartiti tra sinistra e destra”

Alfio Marchini, candidato sindaco a Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ).

“Sono ormai anni che vivo Roma e provo a tutelarla –ha affermato Marchini-, per questo abbiamo fatto scoppiare Affittopoli, abbiamo bloccato la svendita degli immobili di lusso del Comune. Siamo stati noi a mandare a casa Marino e, anche vedendo quello che sta emergendo sul rapporto Marino-Pd, abbiamo fatto sta-bene. E’ evidente che siamo stati efficaci, abbiamo dimostrato che alle scorse elezioni abbiamo vinto noi. Essere vincenti significa firmare una resa di fronte a un notaio dopo soli 2 anni sancendo la fine del centrosinistra? Oppure essere vincenti vuol dire riuscire ad incidere anche col 10% di consensi come facemmo noi? Abbiamo dimostrato che vincere significa occuparsi di Roma, anteporre Roma al bene di tutti quanti, sono dei fatti concreti che noi abbiamo realizzato”.

Il blocco clientelare. “Mi ha sorpreso il blocco clientelare che c’è a Roma –ha spiegato Marchini-, che assolutamente va disarticolato. E’ evidente che c’è un blocco di 300mila voti, ripartiti tra sinistra e destra, dati da coloro che traggono beneficio da questo sfacelo. Altrimenti non è immaginabile che ci sia ancora qualcuno che, dopo lo scempio di destra e sinistra che di giorno facevano finta di litigare e di notte si spartivano tutto, vuole dare di nuovo fiducia a chi ha tradito ogni promessa possibile immaginabile. Allora io dico che questo sistema clientelare non può più andare avanti. Anche i vecchi partiti non sono più in grado di garantire i privilegi che hanno garantito per 20 anni. I romani devono capire che è giunto il mondo di riprendersi il proprio futuro in mano. Bisogna dire a chi non vota di andare a votare e a chi va a votare per il proprio interesse bisogna dire che coloro i quali gli promettono tantissime cose oggi non sono più in grado di mantenere quelle promesse. Noi siamo liberi da condizionamenti, dal fatto che non abbiamo gestito la città in questi ultimi 20 anni. Noi abbiamo dimostrato di saper incidere, noi abbiamo mandato a casa Marino. E’ giunto il tempo di fare una comunicazione realistica delle cose. Destra e sinistra la buttano in caciara perché sanno che se entriamo nel merito delle questioni dicono cose che non stanno né in cielo né in terra. Attenzione alle foglie di fico e attenzione al fatto che chi ha governato in questi ultimi 20 anni non potrà fare nessun cambiamento, Marino docet”.

Sicurezza. “Quello che si è fatto per il Giubileo –ha sottolineato Marchini-, cioè mettere i militari a difesa dei luoghi fissi, lasciando quindi la possibilità alle forze dell’ordine di andare per le strade, ha fatto sì che da quando è iniziato il Giubileo, i reati a Roma sono diminuiti del 30%. Allora noi abbiamo chiesto al Ministro dell’interno di proseguire con queste misure anche al termine del Giubileo. Atac ha circa 10mila dipendenti operativi, al netto dei dirigenti. Io, il giorno dopo che sarò diventato sindaco, creerò un gruppo di ‘angeli della sicurezza’. Ad esempio, io immagino che in ogni vagone della metropolitana ci sia un dipendente dell’Atac che svolga tre funzioni: di informazione alle forze dell’ordine dove ci possano essere delle cose che non vanno, di deterrenza per la micro criminalità e, se ci fosse un attentato terroristico, possano gestire il panico di una situazione del genere, essendo stati formati anche a questo”.

Trasporti. “Bisogna fare 7 linee di tram per aiutare la circolazione di superficie –ha affermato Marchini-. Non è pensabile che a Milano ci sono 600mila persone che prendono la metro e si incassano 600 milioni, a Roma c’è il doppio delle persone che prendono la metro e si incassano solamente 280 milioni. Privatizzare Atac? Non trovi un privato che compra un’azienda che non funziona. Quindi, prima di parlare di privatizzazione, bisogna rendere efficiente Atac. Bisogna puntare sulle manutenzioni, bisogna rivedere il sistema per cui oggi ci sono fermate del bus ogni 100 metri, magari è il caso di averne una ogni 200 ma con i mezzi che passano puntuali. Si deve creare un’applicazione sul cellulare che, non solo informi sui tempi dei bus, ma che informi anche se il mezzo è pieno o meno, in modo da rendere più semplice la vita ai cittadini. Poi, se bisogna fare una razionalizzazione delle realtà che gestiscono i trasporti a Roma ok, ma prima dobbiamo rendere efficiente un’azienda che oggi non lo è. Si può fare, perché i margini di spreco e di evasione sono infiniti. Anche l’ingresso sugli autobus dalla porta anteriore consentirebbe un recupero dell’evasione”.

La corruzione. “Le mele marce cadono da sole –ha affermato Marchini-, perché quando gli togli l’ossigeno del malaffare muoiono per asfissia. Dobbiamo ripristinare un concetto di rispetto reciproche, con poche regole e uguali per tutti. Per quanto riguarda gli appalti, bisogna rendere conveniente essere onesti, cioè l’impresa guadagna se è brava, se non è brava perde”.

Stadio Roma e Lazio. “La Roma e la Lazio devono avere il proprio stadio –ha dichiarato Marchini-. Il progetto così com’era aveva una debolezza dal punto di vista delle norme sulle infrastrutture e sui servizi. Bisogna rivedere quel progetto in modo costruttivo, per evitare che al primo derby ci possa essere un affollamento di tutte quelle zone”.

Fonte: Radio Cusano Campus

About Ruggero Terlizzi 2883 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it