Terrorismo, Bressan: “Rete di omertà che protegge i terroristi analoga a quella che protegge i boss mafiosi”

Matteo Bressan, analista presso il NATO Defense College Foundation, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).




“Noi come NDCF –ha spiegato Brassan- a gennaio abbiamo fatto una giornata di studio a Berlino con esperti di anti-terrorismo e si è discusso di un report che dava 440 foreign fighters partiti dal Belgio di cui almeno 100 erano già rientrati. Il numero del Belgio è inquietante rapportandolo alla sua dimensione e alla sua popolazione. Questi numeri confermano la grande chiamata al jihad globale alla quale hanno risposto molti giovani in Europa e ci confermano che mano a mano che le due coalizioni a guida americana e russa stanno operando in Siria, si sta riscontrando un ritorno in patria dei foreign fighters. Quello che è avvenuto durante il blitz per catturare Salah Abdeslam ci fa ricordare episodi di gravissima omertà che si riscontrano quando le nostre forze dell’ordine cercano di catturare boss mafiosi all’interno di quartieri in cui tutti sanno dove questi boss vivono. E’ in quell’ambiente di coperture che è possibile addestrarsi, nascondere esplosivi e preparare attacchi. Questo ci fa capire che una rete è fondamentale, è molto difficile pensare che qualcuno parta dalla Siria per tornare in Europa e vada a rischiare di morire sui barconi insieme ai profughi, se non ha la certezza di una rete che lo protegga. Questo pone il problema di interi quartieri di cui la politica non si è occupata e che ha lasciato crescere senza controllo”.

Fonte: Radio Cusano Campus