8 dicembre 2016

Il 22 marzo ricorre la giornata mondiale dell’acqua

 

Acque migliori per lavori migliori. È questo il tema della Giornata Mondiale dell’Acqua che sarà celebrata il prossimo 22 marzo 2016 a cura dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. La Giornata vuole puntare l’attenzione su questo bene primario, l’acqua, per un uso responsabile e condiviso con tutti i popoli del mondo. In particolare il tema di quest’anno pone l’accento sul rapporto lavoro e acqua: l’ONU ritiene che circa 1,5 miliardi di persone nel mondo si trova a svolgere lavori che hanno attinenza col mondo dell’acqua.

La Giornata viene promossa inoltre dal Consiglio mondiale sull’acqua (World Water Council, WWC), organizzazione internazionale con sede a Marsiglia che intende “promuovere consapevolezza, costruire impegno politico e dare impulso ad azioni relativamente ai problemi critici di tutti livelli inerenti all’acqua”. L’organizzazione celebra quest’anno il ventennale di fondazione.

Oltre al tema del lavoro, sono però tante le piste aperte sul tema dell’acqua: la sua produzione, la distribuzione, il suo uso; la disputa tra un’acqua pubblica o a gestione privata; il rapporto tra clima e risorse idriche; la tensione tra politica e gestione dell’acqua.

Anche nel nostro piccolo, nel Lazio sud e Ciociaria, non mancano le difficoltà legate all’acqua: dalla siccità in estate ai disservizi del gestore idrico, dai problemi di distribuzione a quelli di depurazione. Nondimeno si richiede una cura costante delle condotte che spesso si guastano causando ingenti perdite di acqua: il suggerimento in questo campo è telefonare tempestivamente al Numero Verde Segnalazioni Guasti di Acqualatina 800.626083.

Ma anche nell’ambito familiare ci viene richiesta una maggiore prudenza e responsabilità nell’uso dell’acqua: utilizzare i frangiflutti, riutilizzare l’acqua derivante dalla cottura dei cibi, chiudere i rubinetti quando si lavano i denti o ci si insapona. Anche così possiamo celebrare la nostra piccola Giornata dell’Acqua.

Maurizio Di Rienzo

FONTE: Colpo d’Occhio, marzo 2016