4 dicembre 2016

Roma – I Giochi Olimpici LGBTI approderanno nel 2019 nella capitale

 

In attesa delle agognate Olimpiadi del 2024,  Roma ha già conquistato i suoi Giochi Olimpici: a Cardiff è stata infatti assegnata all’Italia l’edizione 2019 degli EuroGames, l’evento sportivo creato dalla collettività LGBTI, su licenza della European Gay and Lesbian Sport Federation (Eglsf). Presenti in Scozia per l’assemblea annuale dell’Eglsf,  Adriano Bartolucci Proietti, coordinatore nazionale di Gaycs e Vladimir Luxuria che hanno presentato brillantemente il progetto di candidatura della Capitale. Al progetto hanno confermato il loro contributo numerose associazioni sportive gay italiane che da anni operano in diverse città del Paese ma soprattutto il sostegno del presidente del Coni, Giovanni Malagò. Questa rappresenta un’importante tappa verso l’affermazione di Roma quale città ideale ad ospitare eventi sportivi internazionali che richiamerà molti visitatori con benefici turistici ed economici. Stime degli organizzatori prevedono l’arrivo di oltre 5.000 atleti da tutto il mondo che si confronteranno in diverse discipline sportive.

“Pienamente soddisfatti ed orgogliosi – dichiara il presidente nazionale Adriano Bartolucci Proietti di Gaycs – per avere espresso e grandi potenzialità di questo progetto contribuendo così al progresso nell’emancipazione dell’Italia, come nella maggior parte degli altri Paesi europei, sotto il profilo dei diritti e del pieno riconoscimento della parità contro ogni forma di discriminazione”.

In attesa di arrivare a Roma gli EuroGames si terranno quest’anno ad Helsinki (Finlandia) dal 29 giugno al 2 luglio, mentre le edizioni 2017 e 2018 sono invece sospese per lasciare spazio ai World Outgames 2017 di Miami Beach e ai Gay Games di Parigi 2018.

L’Associazione Italiana ANDDOS contro le Discriminazioni, con sede nazionale a Roma e 180.000 associati, rimarca l’importanza dell’assegnazione degli EuroGames: “Complimenti ai promotori, ideatori e organizzatori di questo progetto per essere riusciti a portare a Roma il più grande evento sportivo internazionale gayfriendly – sottolinea il presidente nazionale Mario Marco Canale – un appuntamento significativo per il nostro Paese in un ambiente, proprio quello sportivo, ancora pieno di tabù e pregiudizi. Si tratta di un evento importante per il nostro Paese con il chiaro intento di veicolare un messaggio nobile e fondamentale: abbattere ogni forma di discriminazione sia nel mondo strettamente sportivo e sia nella società proprio attraverso il piacere della pratica sportiva in ogni sua disciplina”.

Marco Tosarello