8 dicembre 2016

Diego Capasso svela il fascino dei capi Lenez

Il mondo della moda all’ombra del Vesuvio è tra i più apprezzati a livello mondiale. L’inventiva, lo stile la classe degli stilisti partenopei da sempre sono considerati il punto di riferimento degli addetti ai lavori. Tra i giovani marchi che all’ultimo Fashion Week di Milano Moda Donna ha fatto molto parlare di sé c’è il Lenez. Nata da un’idea di Diego Capasso e Luca Nobler, la giovane azienda di Pozzuoli, è oggi un’eccellenza alla quale sempre più spesso le aziende del settore si rivolgono per la realizzazione di modelli e produzioni: “L’idea iniziale – spiega Capassoera fare un marchio mono-prodotto. In pratica una rivisitazione del bikini artigianale a taglio vivo venduti nelle boutique isolane, riprodotti in chiave più commerciale. La nostra storia nasce quando io e Luca, pur appartenendo a due famiglie attive nel settore dell’abbigliamento da generazioni, abbiamo intrapreso percorsi lavorativi completamente diversi e lontani dal mondo dell’abbigliamento. Laurea in economia, esperienza all’estero, inserimento nel mondo del lavoro. Tutto regolare fino ad un certo punto, quando ti rendi conto che per essere pienamente soddisfatti alle volte c’è bisogno di rischiare per inseguire una visione e cercare di realizzare qualcosa di grande. Cosi abbiamo lasciato i nostri precedenti percorso e ci lanciammo nell’impresa. Il marchio è facile, orecchiabile: LENEZ ma si legge LENE’, come “il naso” in francese <le nez>, però tutto attaccato. Questo perché mia nonna, di origini francesi, mi ha sempre detto di seguire l’istinto, di andare a naso, <le nez>. Nel 2013 esce la nostra prima linea d’abbigliamento, caratterizzata da capi trasformabili in jersey e abiti dalle linee particolari. Subito abbiamo successo perchè l’idea è buona mentre il prodotto inizia a vendersi da solo. Prima ancora di poter costruire una rete commerciale, i costumi Lenez sono acquistati dalle migliori boutique nazionali. Oggi l’azienda ha sede a Pozzuoli e vanta una struttura di 700 mq, con personale qualificato e apparecchiature CAD-CAM all’avanguardia”.

12825633_10206977087838902_1338460763_nLa partenza è in quarta ed il marchio Lenez è oggi apprezzato anche oltralpe: “I nostri capi – spiega Capasso – sono acquistati dalla donna che ricerca uno stile non scontato, con un’identità forte. L’abile utilizzo del jersey, unito a una modellistica attenta alle esigenze del mondo femminile, rendono i capi Lenez un’esperienza piacevole nell’indossarli e donano un’immagine sensuale e sexy. Il segmento target mirato in termini di età è dai 30 ai 55 anni. Tendenzialmente, però, la realtà delle vendite tende a sfondare i limiti esterni del target. Obiettivi prioritari dell’azienda per il futuro sono il miglioramento costante dei processi interni e dell’organizzazione dell’azienda, e la conquista di mercati esteri”.

Fare impresa a Napoli è un’esperienza unica: “L’esperienza – svela Diego – che ho vissuto fino ad ora è positiva. Siamo riusciti a creare qualcosa senza avere grosse somme da investire. Le prime stagioni chiedevamo ai nostri clienti di anticiparci un 30% del pagamento dell’ordine per acquistare i tessuti e ti assicuro che in Italia mediamente pagano a 90 gg dalla consegna della merce se ti va bene. Ogni anno reinvestiamo quasi tutti i guadagni. La creatività, la capacità di ingegnarsi per riuscire e la voglia di dimostrare a se stessi e a gli altri, credo siano caratteristiche che noi, al sud, abbiamo un po’ più che nel resto d’Italia, e questo è sicuramente un vantaggio.

Un ‘altro vantaggio di vivere all’ombra del Vesuvio è che si respira aria di tessile e di abbigliamento. Se penso alla nostra tradizione mi viene la pelle d’oca e mi sento ancora più determinato. Non posso accettare di arrendermi come quelli che dicono: ”sono stati bei tempi ma ormai…tutto è cambiato”. Abbiamo ancora un substrato molto vivo nella nostra regione. Questo ti permette di mettere su una produzione in maniera abbastanza facile se ti muovi bene. (ovviamente fare un buon prodotto è un’altra cosa…devi essere bravo). Dopo la produzione però c’è la vendita e per vendere in Italia e all’estero più sei a nord meglio è. Non a caso le grosse aziende non scelgono certo Napoli per piazzare la showroom. E qui iniziano le cose negative: la mentalità, i pagamenti e soprattutto la mancanza di fiducia nel futuro. Forse per questo i nostri genitori ci suggeriscono di studiare, cercare un lavoro sicuro in una grande azienda, in una banca. C’è la convinzione che ormai il singolo non può farcela da solo, non ci sono le condizioni e forse hanno ragione, bisogna essere folli. Peccato, però, che questi problemi accomunano un po’ tutto il paese. Non so se è solo una mia impressione, forse perchè sono inguaribilmente ottimista, ma respiro un’aria migliore ultimamente. Vedo molte aziende nascere con idee buone. Noi siamo tra queste aziende”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.