4 dicembre 2016

Artiglio del diavolo: tutti i benefici della natura

 

 

Fitostenoli e flavonoidi: questi sono i principi attivi che fanno dell’artiglio del diavolo il rimedio omeopatico più utile in caso di patologie di tipo osteorticolare. Utilizzato per il trattamento di artrite reumatoide, tendiniti, artrosi, gotta è un potente antinfiammatorio e antidolorifico che risulta molto valido in tutte quelle patologie legate all’attività sportiva per cui l’impiego di farmaci tradizionali è spesso proibito a causa dei controlli legati al doping.

E’ la radice la parte che contiene tutti i principi benefici, che viene solitamente trasformato in estratto secco da consumare per via orale, ma in commercio esistono anche pomate, creme e tintura madre a base di questa pianta.

Ma quali sono gli usi e le proprietà più rilevanti dell’artiglio del diavolo nella medicina omeopatica?

  • Proprietà antireumatiche, analgesiche e antinfiammatorie: come detto prima l’utilizzo principale dell’artiglio del diavolo è legato alla cura dei sintomi dell’artrite reumatoide e dell’osteoartrite. E’ anche un potentissimo antinfiammatorio con effetti simili a quelli dei farmaci tradizionali, nonostante non abbiano gli effetti collaterali di questi ultimi, ragione per cui viene ampiamente utilizzato come rimedio di preferenza. E’ anche usato per proteggere le cartilagini dalla degradazione preventiva, come dimostrano alcuni studi e sperimentazioni scientifiche recenti.
  • Proprietà sull’apparato gastrointestinale: l’artiglio del diavolo viene usato tradizionalmente anche per trattare disturbi legati all’apparato digerente, stimolando la digestione e l’appetito grazie ad un’aumentata produzione di acidi gastrici. si utilizza per trattare costipazione, flatulenza e diarrea, favorendo l’equilibrio della flora intestinale.
  • Proprietà antiaritmiche: al momento solo in fase sperimentale, è stato testimoniato anche un utilizzo valido dell’artiglio del diavolo come potente ipotensivo in diversi test su animali, che fanno ben presagire per un possibile impiego per gli esseri umani.

Esistono però delle controindicazioni importanti per l’utilizzo di questa pianta, soprattutto legate a chi soffre di diabete o ha problemi di ulcere duodenali o gastriche. E’ sconsigliato il suo utilizzo anche durante la gravidanza in quanto stimola le contrazioni uterine.