3 dicembre 2016

Diecimila fiori per la moglie cieca: la storia che ha commosso il Giappone

 

 

A volte i grandi gesti nascono da idee semplici e spontanee. Come quella di piantare un fiore, poi un altro, e un altro ancora. Inizia così la storia di Toshiyuki Kuroki e della sua amata moglie, coppia giapponese che ha commosso il mondo e si è guadagnata persino uno spazio sul Telegraph, che ha scoperto e lanciato la notizia.

Una storia nata dieci anni fa

La storia inizia dieci anni fa, quando, per festeggiare la pensione, i coniugi Kuroki decidono di intraprendere un viaggio in giro per il proprio Paese. Il viaggio era stato atteso dai due per anni, ma non passano neanche dieci giorni che la donna inizia a soffrire per gli effetti di una forma particolarmente aggressiva di diabete che, in poche settimane, la priva completamente della vista. Il contraccolpo è fortissimo: la donna va in depressione, perde l’entusiasmo e la gioia di vivere, si spegne.

L’idea del marito

A questo punto, il signor Kuroki decide che è giunto il momento di agire, di inventarsi qualcosa per far ritornare il sorriso alla propria amata. Molti altri si sarebbero limitati a farle consegnare un mazzo di fiori a domicilio  o a porgerglieli di persona, magari con un bigliettino da recitare ad alta voce. Non lui. Toshiyuki comincia a piantare shibazakura – un fiore di colore fucsia originario del Nord America ma molto diffuso in Giappone – nell’ampio giardino di casa. Dapprima dieci, poi cento, quindi mille e così via. Fiore dopo fiore, lo spazio che circonda l’abitazione della coppia nipponica si ricopre quasi completamente di shibazakura. Oggi sono oltre diecimila i fiori che rivestono il giardino. L’idea, ha spiegato il marito, nasce dalla volontà di sollecitare e far godere gli altri sensi della propria moglie, restituendole un motivo per essere felice ed apprezzare il mondo, anche se non può più contemplarlo, non con lo sguardo almeno.

Oggi il giardino è un’attrazione turistica

Poi l’epilogo che non ti aspetti: la creazione, che avrebbe dovuto essere un’opera privata, anzi privatissima, poiché concepita e posta in essere per una sola persona, è diventata una vera e propria attrazione turistica , impazza sui social e fa parlare il mondo. Sono circa settemila i visitatori che hanno scelto di recarsi sul luogo, per ammirare di persona il giardino e per conoscere di persona la meravigliosa coppia orientale.

Così, il romanticissimo Toshiyuki è riuscito di fare qualcosa in più, i curiosi si susseguono, il giardino è un continuo esodo di ammiratori dell’opera e della coppia che si fermano a parlare con loro, gli incoraggiano e non li fanno mai sentire soli. La donna oggi sta molto meglio, riceve l’affetto della gente e i loro apprezzamenti, nel caso non fosse sufficiente l’amore, folle e incondizionato, di suo marito.