Napoli-Milan 1-1: la Juve ringrazia i rossoneri ma gli arbitri tornano protagonisti!

Il Milan alza le barricate al S.Paolo e riesce a tornare a casa con un preziosissimo pareggio che le permette di allungare  una striscia positiva di risultati  che la vede, tra Campionato e Coppa Italia, imbattuta da ben 10 turni  e continuare a lottare per un posto Champions. Il Napoli, per contro, perde la grande occasione di ritornare in vetta alla classifica e , pur rimanendo in scia della Juventus, vede riavvicinarsi pericolosamente avversarie come la Fiorentina e la  Roma forse date, troppo frettolosamente ,  per spacciate nella corsa per lo  scudetto.  Gli azzurri continuano a fare i conti con un periodo nero , come il colore delle giacchette degli arbitri che , con una serie di arbitraggi a dir poco discutibili, ritornano ad essere  protagonisti e, forse,  decisivi nella corsa per il primato; troppo facile, si dirà, trovare nei direttori di gara la causa di tutti i mali e di queste battute di arresto del Napoli, ma quando vedi un arbitro ( Irrati) che finge di non vedere un  fallo di mano da rigore grande come una casa contro la Juventus oppure non sanziona con un doveroso cartellino giallo falli di giocatori  in diffida e quindi a rischio squalifica (come Bonucci ed il collega Banti, ieri sera,  dirigere a senso unico, permettendo ai giocatori rossoneri, Bonaventura e Honda su tutti, di picchiare e bloccare sistematicamente in modo poco ortodosso le azioni e gli uomini più pericolosi del Napoli, qualche dubbio viene. Il Milan, conscio dei propri limiti, ha fatto il proprio dovere impostando tutta la gara sulla difensiva, pressing a tutto campo a partire dai propri attaccanti, Bacca e Niang , dediti più difendere che ad affondare i colpi nella difesa avversaria, atteggiamento da provinciale e non certamente da squadra blasonata qual’è, ma era l’unico modo per uscire dal campo imbattuti; i numeri parlano chiaro e raccontano di una superiorità imbarazzante del Napoli sia come possesso palla che come dominio territoriale e se, in questo periodo,  alla scarsa lucidità sotto porta degli attaccanti partenopei dovuta , forse, alla troppa pressione psicologica ed al momento di forma poco brillante aggiungiamo una serie di episodi poco fortunati  ecco che il quadro negativo si completa. L’occasione persa di vincere contro il Milan  e tornare in vetta probabilmente peserà molto più della sconfitta contro la Juventus sia a livello  prettamente numerico che psicologico; Sarri avrà il non facile compito di serrare immediatamente le fila, scuotere l’ambiente e trovare qualche soluzione che renda meno macchinose e ,quindi, più brillanti le ,ormai, prevedibili azioni d’attacco del Napoli. Le prossime imminenti sfide di Europa League con il Villareal e di Campionato con la Fiorentina non permettono distrazioni o cali di tensione, quindi, occorre archiviare in fretta discussioni e polemiche e continuare ad inseguire i sogni per non rovinare una stagione, fin qui, splendida.