6 dicembre 2016

Conniventi o dementi?

Mentre due importanti banche italiane dal nome nordico stanno per regalarci un nuovo effetto Parmalat, l’attenzione degli italiani è concentrata sulla sfida scudetto tra Napoli e Juventus. Aumentano le ore di cassa integrazione e in tv si vedono Renzi ed i renzisti pontificare sulle magnifiche sorti miracolose del jobs act, costato solo 12 miliardi di euro.

Viene gettato il sassolino dell’abolizione di fatto delle pensioni di reversibilità e obiettivo dei Salvini e leghisti (tranne qualcuno arrestato perché la giustizia gli stava sui maroni….) diventano i diritti di chi vuol vivere liberamente il proprio amore come me e come te. La mortalità dilaga che neanche durante la seconda guerra mondiale si periva così tanto e sulle reti nazionali cosa trasmettono? Uno special su come le olimpiadi di Roma (mafia capitale ad alcuni non è bastata per soddisfare i propri appetiti…) farebbero bene, ma tanto bene, così bene che ancora non ho capito bene a cosa serviranno i giochi olimpici alla città eterna…

Insomma siamo immersi nel letame e invece di informarci su cosa accade e, quindi, reagire, viviamo in una fase di torpore onirico cerebrale, tipico di chi non riesce a collegare gli unici tre neuroni presenti nella propria scatola cranica. Si muore di più, si lavora di meno, aumenta il debito pubblico, ritorna l’emigrazione, si ruba di più, si specula alla grande e continua ad essere mortificata la dignità di chi semplicemente è un italiano, per dirla alla Cutugno, vero.

Di italiano cosa è rimasto in noi? La maggioranza degli italiani dove sono e cosa fanno? Due sono le cose: questo stato di cose gli va bene oppure rasentano la demenza. Solo un demente o chi auspica questo status può accettare supinamente di vedere aumentare le tasse, campare sulle spalle dei genitori e delle loro pensioni (ciò che resta di loro…), abolire la prevenzione sanitaria, farsi pagare dalla collettività un lavoro schiavizzante, il tutto a mortificazione della dignità propria e dei propri figli.

Comprendo quanti spingono per mantenere questa perenne crisi di valori ed economica; il loro benessere si basa proprio su queste disfunzioni. Non accetto, però, coloro, lato debole di questa amara realtà, che continuano a vivere come se i fatti non fossero loro. Sono dementi: tertium non datur.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5958 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.