11 dicembre 2016

Acqua, Sinistra italiana al ministro Galletti: non faccia il furbo. La gestione deve rimanere pubblica

Il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti «non faccia il furbo. La gestione dell’acqua deve essere pubblica come chiesto a gran voce da milioni di cittadini con il referendum. L’acqua è un bene comune, un diritto universale. Sinistra Italiana è contraria alla privatizzazione della gestione». Lo affermano i deputati di Sinistra Italiana della commissione Ambiente di Montecitorio Serena Pellegrino e Filiberto Zaratti, al termine dell’audizione del ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti sulla proposta di legge ‘Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque e disposizioni per la ripubblicizzazione del servizio idrico’.

«La legge in discussione- continuano gli esponente di Sinistra Italiana- è il frutto del lavoro dell’Intergruppo parlamentare fatto in accordo con i comitati per l’acqua pubblica e sottoscritta da decine di esponenti di vari partiti, ed è la logica conseguenza del risultato popolare dei referendum». Il ministro, invece, «continua ad eludere la volontà popolare ipotizzando una separazione tra la proprietà del bene pubblico acqua e la gestione del servizio connesso. L’acqua deve rimanere pubblica perché solo il pubblico è in grado mettere in atto quel processo virtuoso tra tariffe, spese di gestione e servizio. Il privato, invece, cerca solo profitti», concludono Pellegrino e Zaratti.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.