10 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Pioli: “Risaliamo la classifica, non è quella che vogliamo e meritiamo”

Foto Marco Rosi/LaPresse 13 06 2014 Formello ( Roma ) Sport Conferenza Stampa di presentazione del nuovo allenatore della Lazio Stefano Pioli nel Centro Sportivo di Formello . nella foto Stefano Pioli Foto Marco Rosi/ LaPresse 13 06 2014 Formello ( Italy ) Sport Press conference for the presentation of the new Lazio's coach Stefano Pioli at the Formello Center in Rome. in the picture Lazio's coach Stefano Pioli

Il tecnico biancoceleste, Stefano Pioli, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Carpi.

“Le vittorie prima della sosta ci hanno dato fiducia e morale. Ho trovato la squadra bene, è chiaro che dobbiamo risalire la classifica perché non è quella che vogliamo e da domani dobbiamo cominciare a pedalare molto bene in questo campionato.

Il Carpi è una squadra difficile da superare, ci aspetta una partita complicata dal punto di vista tattico. Ha nelle ripartenze i suoi sviluppi più importanti, hanno pareggiato con Napoli e Fiorentina. Ma siamo la Lazio, giochiamo in casa e vogliamo vincere.

Il sistema di gioco biancoceleste rimarrà lo stesso delle ultime partite, tre centrocampisti e tre attaccanti. Stanno tutti bene, tranne gli infortunati che sono ovviamente fuori. Dobbiamo continuare a lavorare, non è la nostra classifica e vogliamo tornare nelle prime posizioni.

Il nostro obiettivo è chiaro, una società prestigiosa e importante come la Lazio deve giocare in Europa. Il nostro obiettivo è quello, è chiaro che in campionato siamo in ritardo, non sarà facile. Credo molto in questa squadra, i ragazzi hanno la stoffa per recuperare. Dobbiamo pensare a noi, alle nostre prestazioni e a vincere le partite per mettere punti importanti nella nostra classifica. La Coppa Italia e l’Europa League sono ulteriori obiettivi, ce la metteremo tutta, non saranno tappe facili.

Poco tempo fa ho fatto un discorso alla squadra per quanto riguarda i nostri tifosi: è difficile ottenere risultati diversi se noi continuiamo a fare le stesse cose. Io capisco tutte le difficoltà dei tifosi come le barriere, i controlli e altro e tutti i loro buonissimi motivi, però i tifosi servono, ne ho bisogno io e ne ho bisogno i miei giocatori. E ne hanno bisogno anche loro, perché il tifoso deve andare allo stadio. Poi noi cercheremo di farli contenti, quello che ho visto l’altro giorno a Formello è stato importante.

Quello del calciomercato è un periodo importante, pieno di chiacchiere e altro. Ma siamo abituati a questo, è normale che qualche giocatore sia distratto, ma ho visto la mia squadra concentrata, unita e compatta. Sono motivati e pronti. Sanno che per fare una rincorsa importante bisogna partire con il piede giusto. Domani vogliamo vincere e non abbiamo situazioni particolari da affrontare all’interno, sarò pronto ad intervenire nel caso vengano fuori.

Per quanto riguarda la sosta, io sono per giocare sempre, giocherei anche a ferragosto e sono sicuro che farebbe piacere anche ai tifosi godersi una partita in notturna d’estate. Quindi sono favorevole alle gare durante il periodo di Natale. Questa sosta è molto strana, sette giorni di riposo con due partite consecutive in tre giorni.

Milan Biševac? E’ un giocatore sicuramente affidabile e intelligente. Io ho bisogno di questi giocatori, il giudizio completo potrò darlo solo quando lo vedrò a lavoro. Sono contento per il primo tassello a inizio mercato. Non ho avuto notizie sul tesseramento, credo sia presto per convocarlo domani.

Per gli altri, non temo di perdere i big o i giocatori più importanti. Credo che se in un’azienda ci sono dei ruoli, questi vanno rispettati. L’allenatore allena, i giocatori giocano. Poi certo, l’allenatore deve dare indicazioni ben precise, è quello che sto facendo, i dirigenti sanno quali sono le mie necessità. Poi cessioni o acquisti spettano alla società”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.