7 dicembre 2016

Kaspersky Lab: le aziende accusano i propri competitor degli attacchi DDoS di cui sono vittime

Secondo una recente ricerca condotta da Kaspersky Lab e B2B International, quasi la metà (48%) delle aziende intervistate crede di conoscere l’identità di chi si cela dietro ai recenti attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) di cui sono state vittime e la motivazione che li spinge a lanciare questo tipo di attacco; molti di loro hanno citato i competitor in qualità di principale colpevole.

Anche se i criminali che cercano di interrompere i servizi dell’azienda rappresentano più di un quarto (28%) dei sospettati, sorprendentemente, un’azienda su otto (12%) crede che i propri competitor abbiano pagato per lanciare un attacco DDoS contro di loro, rendendo queste minacce informatiche ancora più pericolose. Questo sospetto è ancora più diffuso tra le aziende appartenenti al settore dei servizi all’industria, con più di un intervistato su tre (38%) convinto che a celarsi dietro a un attacco DDoS siano i propri competitor.

Tra gli altri colpevoli citati dagli intervistati si trovano: criminali che vogliono interrompere o creare un diversivo per far passare inosservato un attacco informatico di altro tipo (18%); criminali che interrompono i servizi dell’azienda allo scopo di riscuotere un riscatto (17%); attivisti politici (11%); e governi o poteri statali (5%). Il riscatto è considerato la motivazione più popolare per un attacco tra i dipendenti dell’industria manifatturiera (27%) e delle telecomunicazioni (27%).

“Gli attacchi DDoS non sono più semplici tentativi dei cybercriminali di bloccare le attività di un’azienda. Le imprese stanno diventando sospettose e c’è una reale preoccupazione che molte aziende, comprese le PMI, vengano danneggiate dalle tattiche scorrette dei loro competitor, che commissionano attacchi DDoS contro di loro, danneggiandone l’attività e la reputazione”, ha commentato Morten Lehn, Managing Director di Kaspersky Lab Italia.

“Non importa in che settore lavoriate, la vostra organizzazione avrà sicuramente dei competitor ed è quindi saggio rimanere all’erta e comprendere in modo dettagliato le ripercussioni di un attacco DDoS sul proprio business in termini di potenziali danni finanziari o reputazionali. Non bisognerebbe pagare i riscatti e fare il gioco dei cybercriminali o dei competitor, ma piuttosto bisogna assicurarsi di avere le adeguate misure di sicurezza per gestire il crescente rischio di attacchi DDoS a cui è sottoposto il proprio business”, continua Morten Lehn.

Per aiutare le aziende, Kaspersky DDoS Protection fornisce una protezione totale e integrata dagli attacchi DDoS, difendendo le aziende da un attacco DDoS ad ogni livello. Dall’analisi del traffico online all’invio di alert sulle possibili minacce, fino alla pulizia del traffico, Kaspersky DDoS Protection offre tutto ciò di cui un’azienda necessita per difendersi e mitigare gli effetti di tutti i tipi di attacco DDoS.