6 dicembre 2016

Ardea – Addezi: “Il comune faccia luce sulla vicenda dei chischi di fiori al cimitero”

“Con l’ordinanza n. 105 del 27.06.2014, il Comune di Ardea imponeva la chiusura di tre chioschi per la vendita di fiori, adiacenti al Cimitero di Via Strampelli, rilevando un ritardato pagamento della tassa di suolo pubblico da parte dei tre esercenti. Ad oggi – dichiara in una nota Alessio Addezi, Presidente dell’Associazione Presenza Solidale – due dei tre chioschi hanno riaperto, evidentemente perchè il Comune ne ha rilevato le necessarie condizioni, mentre il terzo no. Posto che per tutti e tre gli esercizi commerciali vi è stata una  contemporanea ordinanza di imposta chiusura, e posto che tali esercizi rispondonoa medesimi canoni di legge: ci chiediamo – continua Addezi – quali motivazioni siano sopraggiunte per permettere questa attuale condizione che, di fatto, pone una disparità tra le tre situazioni in oggetto.

Onde permettere alle istituzioni preposte – aggiunge Addezi – di spiegare e fugare eventuali dubbi in merito ad una scarsa trasparenza su tutta la vicenda, chiediamo il perchè, quell’unico esercizio commerciale, parliamo del Chiosco La Rosa, ad oggi si vede impossibilitato a svolgere la propria attività, tenendo bene a mente che, dietro ogni attività commerciale ed imprenditoriale, vi è una famiglia a cui viene a mancare un reddito, spesso l’unico reddito, per cui sostenersi economicamente. Non intendiamo – conclude Addezi – entrare nel merito della questione, almeno non adesso, limitandoci a fare emergere le cause di una situazione di disparità oggettiva, su cui interroghiamo il Comune di Ardea, per fare chiarezza”.