10 dicembre 2016

Tuffo nel Tevere, Carabella: “Insieme a Mister Ok andremo a pulire le sponde del Tevere”

Anche il 2015 è agli sgoccioli e come ogni anno insieme al mitico Mister Ok ( Maurizio Palmulli), Walter Schirra e Marco Fois che ci accompagnano in questa tradizione tutta romana ci stiamo preparando per il consueto tuffo nel Tevere; chiuderemo un anno che dai più sarà tristemente ricordato come un anno di profonda crisi economica etica e sociale, ma nonostante questo saremmo lì il primo gennaio per augurare a tutta Roma, a tutta l’italia e a tutto il Mondo un 2016 sereno e Felice.

Lo faremo come tradizione romana impone tuffandoci nelle acque gelate del Tevere da Ponte Cavour a mezzogiorno, proprio quando “Spara” il cannone del Gianicolo, perché è la tradizione e un popolo senza tradizione muore. Ogni anno dedico il mio tuffo ad una causa Sociale, e lo faccio scrivendo lo slogan dietro la schiena, quest ‘ anno lo dedicherò agli Italiani abbandonati dallo Stato. In particolar modo a Chiara Insidioso, ridotta a vegetale dal suo ex e per la quale nel Comune di Roma non ci sono case popolari, per Angela Dimastromatteo invalida che non può curarsi come e dove vuole e al fratello paracadutista David Tobini morto in Somalia nel 2001 la quale Famiglia non ha mai sentito lo Stato affianco. Questa bellissima tradizione che richiama decine di migliaia di turisti oltre a TV e Giornali di tutto il Mondo vede ridotte in una situazione di degrado assoluto le sponde del nostro adorato Tevere .

Lungo i due argini sotto Ponte Cavour proprio dove scenderanno moltissimi bimbi per vedere i loro eroi che si tuffano si contano centinaia di siringhe oltre ad immondizia di ogni genere. Questo oltre a rappresentare un oltragio per la Capitale del Mondo rappresenta un vero e proprio pericolo per le migliaia di persone che verranno ad assistere ad una delle tradizioni più antiche e belle d’ Italia. A Noi non piace parlare ma agire, così il 19 Dicembre insieme agli altri 3 Mister Ok ad amici e con i ragazzi di Prati, armati di pinze scopa e secchio puliremo le sponde del Tevere per regalare al mondo intero non solo una tradizione stupenda ma anche una Roma degna della sua storia.

L’Italia è casa nostra e non possiamo più permettere che venga lasciata morire; il 19 dicembre ripuliremo le sponde di un piccolo tratto del Tevere come simbolo della volontà di ripulire l’Italia intera, un piccolo segno concreto affinché il nostro amore per la patria possa diventare contagioso ed ogni italiano possa tornare ad essere fiero di esserlo combattendo per questo insieme a noi!