8 dicembre 2016

Fiumicino – Raccolta differenziata, cittadini e commercianti chiedono spiegazioni

Mi chiamo  Paola Isopo e sono la  proprietaria dell’attivita’ commerciale Enoteca Ostricheria sita in Via della Torre Clementina n.122 in pieno centro storico del comune di Fiumicino, con questa lettera vorrei portare all’ attenzione una problematica emersa dal servizio di raccolta differenziata e più nello specifico nella calendarizzazione della raccolta umido.

Qualche giorno fa ho ricevuto la visita dei funzionari nella mia attività mostrandomi un bollino rosso indirizzato a me in quanto i miei rifiuti erano risultati non conformi. In particolare la contestazione era derivata dalla presenza di residui di ostriche nell’indifferenziato, ma come potete ben immaginare, non avendo un locale tecnico adatto a mantenere per più giorni materiale maleodorante, l’unica alternativa è stata quella di conferirlo nell’indifferenziato nei giorni in cui non è previsto il ritiro dell’organico. Ho mostrato da subito le mie perplessità in merito al trattamento ricevuto tentando di spiegare per il mio caso specifico le mancanze oggettive del servizio organizzato di raccolta dell’umido (Fiumicino è una città di mare), ma senza ottenere risultati.

Faccio presente, inoltre, che proprio in questa via come anche sul Lungomare della Salute c’è un alta concentrazione di attività di ristorazione o comunque di somministrazione di alimenti e bevande e per questo trovo comprensibile e logico, cambiare o accordare un diverso calendario per fare in modo che tutti possano partecipare al progetto di raccolta differenziata, ma se l’umido ad oggi viene raccolto 3 volte alla settimana, credo sia ovvio lamentare che non ci si senta messi nella condizione di poter rispettare sempre le norme vigenti in materia di rifiuti.

La mia richiesta personale è quella di riuscire ad avere quotidianamente il servizio di raccolta umido e non spalmato nella settimana anche perché  c’è un secondo dato di fatto, ossia  non tutte le attività commerciali hanno spazi adeguati per contenere l’umido giornaliero e rischiano di incappare anche in ipotetiche problematiche igienico sanitarie. In altre occasioni il Sindaco Montino è stato messo anche a conoscenza del fatto che molti ristoratori in tarda serata si trovano costretti a buttare nei cassonetti dell’indifferenziata ciò che andrebbe nell’umido proprio perché questo servizio di raccolta mostra lati deboli principalmente negli appuntamenti di raccolta.

La domanda nasce spontanea, cosa dobbiamo fare noi cittadini e commercianti con l’umido? Lo carichiamo in macchina e facciamo il giro dei secchioni scaricandolo qua e la? Noi vogliamo essere persone civili e contribuire ma vogliamo e dobbiamo essere messi nella condizione di farlo.

Paola Isopo
Commerciante