10 dicembre 2016

Quattromila i morti in Italia a causa dell’aminato, fondamentale la mappatura

“Quello dell’amianto è davvero uno dei più grandi problemi del nostro tempo e le conseguenze del suo utilizzo e abbandono sul territorio saranno sempre più gravi ed evidenti con il passare del tempo. A 23 anni dalla sua messa al bando, l’amianto causa 4 mila morti ogni anno in Italia secondo Legambiente. Nel Lazio, a partire dal 1 gennaio 2001 fino al 30 novembre 2014, sono 1042 i casi registrati di mesotelioma maligno, certificati dal Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio. Per questo è sempre più importante approvare quanto prima la legge sull’amianto, che ci consentirebbe di ultimare la mappatura dei siti che nel Lazio è ancora ferma a meno del 20%. Sono stati persi già più di 20 anni di tempo ed è ormai evidente la necessità di una norma complessiva che metta in campo azioni per il risanamento dell’ambiente e la salvaguardia della salute dei cittadini: in questo senso la mia proposta di legge, che spero venga approvata in tempi brevi, prevede la possibilità di smaltire piccoli quantitativi di amianto a livello comunale, e l’elaborazione di un piano regionale per le grandi opere di protezione, decontaminazione, smaltimento e bonifica”.
Così in una nota Cristiana Avenali, Consigliera regionale e Coordinatrice della Commissione Ambiente e Agricoltura del PD Lazio.

About Emanuele Bompadre 8291 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.