7 dicembre 2016

Roma – Storace: “Non mi candido, pronto ad appoggiare un candidato serio. Mussolini? Grande statista”

Il consigliere regionale, Francesco Storace, nella sede della Regione Lazio in via della Pisana, Roma, 24 settembre 2012. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Francesco Storace (Segretario Nazionale de “La Destra”) è intervenuto ai microfoni della trasmissione “La storia oscura”, condotta da Fabio Camillacci, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Candidatura a sindaco di Roma. “Il tempo del personalismo a tutti i costi deve cessare –ha dichiarato Storace-. L’alternativa seria alla sinistra deve essere rappresentata da una personalità che se la senta di fare il sindaco e sia capace di mettere a posto la macchina amministrativa di Roma. Forse nel centrodestra sarei il più capace a farlo, ma i partiti non è che mi amino tanto. Sono pronto a portare la mia pietra al cantiere se c’è da appoggiare ad una candidatura affidabile”.

Mafia Capitale. “Io con la Destra ero all’opposizione in quegli anni –ha affermato Storace-. Della giunta Alemanno qualcuno è stato toccato, ma Mafia Capitale ha squassato la sinistra romana. C’è stato quel legame ambiguo col mondo della cooperazione da cui è partito tutto, che era la bandiera della sinistra”.

Riguardo Benito Mussolini. “Non c’è dubbio che Mussolini sia stato un grande statista –ha detto Storace. Se non è un grande statista uno che ha governato 20 anni… Solo i più stolti potrebbero mettere in discussione questo. Io amo la democrazia, ma da qui a dire che il fascismo fosse il male assoluto ce ne passa”.

Fonte: Radio Cusano Campus