8 dicembre 2016

Calcio – I° Categoria, Atlletico Torbellamonaca, Franconeri rilancia: “Possiamo stare tra le prime quattro”

Da cinque anni veste la maglia dell’Atletico Torbellamonaca, che è diventata quasi una seconda pelle per lui. E così, anche in un momento in cui gioca di meno, l’impegno infrasettimanale e la compostezza e il senso del gruppo non gli hanno mai fatto difetto. Fabio Franconeri, esterno difensivo mancino classe 1991, è stato uno dei primi ragazzi di Tor Bella Monaca a entrare a far parte del club caro al capitano Alessio De Santis. E anche se in questo periodo gioca di meno, «ad andare via non ci ho mai pensato perché non riuscirei a giocare per un’altra squadra: per me ci sono la Roma e l’Atletico, poi nient’altro – spiega sorridendo Franconeri – Il mio idolo sportivo è Michael Jordan, uno che nella sua carriera e nella vita non ha mai mollato». Domenica ha fatto il suo esordio stagionale, subentrando nei minuti finali della sfortunata gara di Affile. «Abbiamo perso 1-0 subendo il gol in pieno recupero – racconta Franconeri -, ma non meritavamo di uscire sconfitti. Non è stata una bellissima partita, qualcosa avevamo creato in precedenza e così anche i nostri avversari: insomma la classica partita da 0-0, tra l’altro disputata su un campo sabbioso in cui era molto difficile proporre gioco». Il k.o. ha interrotto la bella striscia di tre vittorie consecutive arrivate in concomitanza del ritorno di mister Persico sulla panchina del club capitolino. «I cambiamenti che ci sono stati hanno un po’ condizionato il nostro inizio di stagione, ma da quando è tornato il mister la squadra si esprime sempre con buona qualità. Sono convinto che i valori presenti in questo gruppo devono farci puntare ad un posto tra le prime quattro». Nel turno di domenica prossima, l’Atletico Torbellamonaca ospiterà al Panichelli l’Albarossa 2011, compagine che ha collezionato finora appena quattro punti ed è terzultima in classifica. «Non guardo la graduatoria degli altri – dice Franconeri -, anche perché penso che noi avevamo zero punti dopo tre giornate e quindi penso che possa essere ingannevole sul valore delle varie squadre. E’ chiaro, però, che domenica bisogna solo vincere, convincendo».