9 dicembre 2016

Estella Marino: “Maggioranza del Pd favorevole a dimissioni Marino. Se il sindaco ha sbagliato deciderà la Magistratura”

Estella Marino, Assessore all’Ambiente del Comune di Roma, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sistema incancrenito. “Ho vissuto questi ultimi giorni con uno stato d’animo legato ad una fase difficile –ha affermato Marino-. Da una parte con la necessità di tutelare il progetto messo in campo dalla nostra amministrazione e dall’altra di pensare al futuro della città, che deve andare avanti anche senza di noi. Alcuni cittadini hanno compreso il cambiamento che abbiamo voluto imprimere alla città rispetto alla passato. In una macchina amministrativa complessa come quella romana, i percorsi di cambiamento non mutano le cose dall’oggi al domani, soprattutto quando vai a scardinare meccanismi incancreniti che sono andati avanti per anni“.

Malagrotta primo piede pesato. “Il risultato più evidente è la chiusura di Malagrotta –ha spiegato Marino-. Abbiamo rotto un monopolio. Probabile che quello sia stato il primo piede che non andava pestato dalla nostra amministrazione. Malagrotta andava chiusa anni fa perché c’era un’infrazione europea, ma nessuno l’aveva mai chiusa. Nei prossimi anni si vedranno i risultati perché avremo meno rifiuti che si buttano in una buca e più materiali riciclati. Abbiamo pestato un altro piede anche mettendo fine alla cartellonistica selvaggia”.

Ama non si cambia da un giorno all’altro. “Ama? Anche lì c’è un’eredità pesante, con lo scandalo Parentopoli –ha affermato Marino-. Un’azienda così compromessa non può essere moderna, performante, in grado di svolgere il proprio servizio al meglio. Inoltre la sfida della raccolta differenziata ha comportato cambiamenti epocali. Abbiamo fatto lo screening di tutte le gare d’appalto e abbiamo ribaltato la situazione, facendo l’80% di gare e solo il 20% di affidamenti diretti. Negli ultimi due anni si è ricostruito un rapporto sano con le sigle sindacali. I sindacati hanno condiviso con noi lo sviluppo aziendale di Ama. E’ un’azienda di 8000 dipendenti, non si ribalta in un giorno. Abbiamo fatto una bonifica in questi due anni”.

Pd ha deciso dimissioni. “Ho manifestato il mio dissenso rispetto a questa decisione del Pd di concludere il lavoro di questa giunta –ha spiegato Marino-. Nel partito c’erano voci diverse, probabilmente la mia era una voce di minoranza. Il tema del partito è fondamentale non solo per la vicenda di oggi, ma anche per non disperdere il progetto e portarlo avanti anche nei prossimi sviluppi. Il Pd a Roma è commissariato quindi non ci sono luoghi di discussione. E’ necessario che il Pd torni ad essere un partito radicato sul territorio”.

Scontrini. “Se Marino ha sbagliato sugli scontrini lo appurerà la magistratura –ha affermato l’Assessore-. Anche la Panda Rossa sembrava uno scandalo di grandi proporzioni secondo i media, poi quando si è andati ad approfondire, tutto si è sgonfiato”.

About Emanuele Bompadre 8279 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.