10 dicembre 2016

Poli Opposti

Stefano Parisi (Luca Argentero) e Claudia Torrini (Sarah Felberbaum) fanno due lavori che non potrebbero essere più distanti. Terapista di coppia lui, avvocato divorzista lei. Lei separa le coppie, lui cerca di tenerle unite.
Al momento l’amore non è al centro dei loro pensieri, ma è innegabile che sia al centro delle loro vite. Il Dottor Parisi ripara matrimoni in crisi, ma ha appena lasciato la moglie, Mariasole (Anna Safroncik), e consumato il distacco anche dall’ingombrante suocero, Dott. Beck (Tommaso Ragno), famoso psicologo e irriducibile narciso.
Claudia, mamma single del piccolo Luca (Riccardo Russo), è l’implacabile Avvocato Torrini, il peggiore degli incubi per i mariti delle sue clienti. Ne sarebbe terrorizzato persino suo fratello Alessandro (Giampaolo Morelli), bugiardo seriale e sfrontato marito di Rita (Elena Di Cioccio), ormai rassegnata alla gelosia.
E Claudia e Stefano si rendono presto conto che, forse, è inutile lottare contro le leggi della fisica.
Non male questa commedia italiana a firma di Max Croci, non male soprattutto nella prima parte, quella più frizzante ed ispirata sia a livello di scrittura che di regia.
E in effetti il film è una classica riedizione di un filone caro alla commedia all’italiana, ovvero quella sorta di commedia degli equivoci incentrata su due protagonisti forti e apparentemente agli antipodi che proprio per questo si attraggono e riescono a funzionare.
Nonostante l’alto numero di sceneggiatori il film risulta un po’ grossolano nella maniera in cui è tratteggiato con, come già detto, una prima parte più dinamica e funzionante e una seconda più imbrigliata e schiava degli stereotipi del già visto e da quel sapore di già visto che non aiuta mai.
Anche la regia pare andare di pari passo con la scrittura, appiattendosi sempre più man mano che la storia si dipana.
E tuttavia questo “Poli Opposti” regala degli spunti interessanti e non poche risate nella sua prima frazione. Il grosso (se non tutto) del merito va alla coppia di (bellissimi) protagonisti, Argentero e Felberbaum, che funziona ottimamente in un continuo scambio di ruoli tra protagonista e spalla. I personaggi secondari sono spesso mortificati nonché meri escamotage funzionali al dipanarsi dell’intreccio narrativo, ma si può chiudere un occhio e passare un’ora e mezza in compagnia di questa coppia “di fatto” simpatica e romantica. La colonna sonora non regala particolari guizzi ma si mette al servizio delle scene senza risultare mai fuori posto.
Davvero splendida e bravissima Sarah Felberbaum che dimostra una volta di più la propria crescita costante oltre a una bellezza e un’eleganza fuori dal comune. Ottimo anche il compagno di scena, un Luca Argentero eccellente, simpatico e superlativo nell’incarnare il concetto di uomo e padre 2.0. E, infatti, il vero punto forte di questo film, che più che a ottobre, sarebbe dovuto uscire in prossimità di San Valentino, è rappresentato proprio dai due protagonisti.
Concludendo, quindi, una pellicola che prometteva degli slanci poi non mantenuti in di un placido quieto vivere ma comunque simpatica e ben interpretata. Consigliata a chiunque voglia passare un’ora e mezza in simpatia, uscendo dalla sala un pochino più ottimista e romantico.

La frase:
“Ci crederesti tu? Tutto sto casino per una donna. Non c’è niente da fare, ce l’hanno nel Dna”.

a cura di Jacopo Landi

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.