5 dicembre 2016

Riforme, De Petris: Art. 2 incostituzionale, la sovranità appartiene ai cittadini, non ai consiglieri regionali

«L’articolo 2, nonostante le correzioni del cosiddetto emendamento Finocchiaro, è manifestamente incostituzionale rispetto alla Prima parte della Costituzione, perché contrasta con l’articolo 1, secondo cui la sovranità appartiene al popolo, non ai consiglieri regionali. L’articolo 2 contrasta anche con l’articolo 3 della Costituzione e, in particolare, con l’articolo 48, che recita: «Sono elettori tutti i cittadini, uomini e donne, che hanno raggiunto la maggiore età». Nella Costituzione non c’è quindi scritto che sono elettori i consiglieri regionali». Lo ha detto in Aula la senatrice di SEL Loredana De Petris, presidente del Gruppo Misto, che ha aggiunto:

«Anche l”articolo 51 ci aiuta ulteriormente in quanto recita: «Tutti i cittadini dell’uno o dell’altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge». Con la riforma in esame è evidente che nessun cittadino qualunque può più pensare di poter essere eletto senatore della Repubblica e pertanto l’articolo 51 andrebbe abrogato».

«Noi crediamo che del Senato non possa rimanere un simulacro di istituzione che non avrà alcun tipo di legittimità da parte popolare, e che rischia di essere destinato tra due o tre anni a morte certa. Per questo – ha concluso De Petris – avevamo presentato anche degli emendamenti, che non sono stati ammessi, per arrivare una volta per tutte, con un atto di eutanasia dolce, proprio alla soppressione del Senato».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.