5 dicembre 2016

Di Battista: “Più che le menzogne sono le “truffe semantiche” ad essere pericolose perché hai meno possibilità di capire che ti stanno mentendo”

Più che le menzogne sono le “truffe semantiche” ad essere pericolose perché hai meno possibilità di capire che ti stanno mentendo. Per farti accettare le porcate ne cambiano il nome. Se le indecenze venissero chiamate per quel che sono evidentemente qualcuno che sta zitto si ribellerebbe.

Chiamano gli inceneritori “termovalorizzatori”. Ma sono sempre strutture che bruciano i rifiuti e provocano il cancro. Le guerre di invasione le chiamano “missioni di pace per esportare la democrazia”. E noi siamo ancora in Afghanistan a buttare soldi e a far correre rischi ai nostri soldati e alla popolazione afgana. Alla distruzione dell’istruzione pubblica hanno dato il nome di “buona scuola”. Alle trivellazioni nei nostri mari “Sblocca-Italia”. La dittatura del libero mercato (che libero non è mai) è definita “democrazia” e le manovre da macelleria sociale che stanno pregiudicando la sanità pubblica (tutto a vantaggio dei privati) le chiamano “aggiustamenti strutturali” o “armonizzazione delle spese”.

Quando si “armonizzeranno” i loro stipendi questi traditori della Patria? Quando “armonizzeranno” le speculazioni delle banche o gli affari della mafia?

“Ci sono sprechi nella sanità” ripetono a pappagallo. Ovvio che ci sono. Il M5S al governo rimuoverà quei dirigenti sanitari responsabili degli sprechi. Il M5S aumenterà le pene per i fenomeni corruttivi in abito sanitario (perché rubare sulle sofferenze delle persone è ignobile e la corruzione nella sanità pubblica ci costa miliardi di euro all’anno).

Qualche mese fa è stato sciolto un ospedale per Camorra. Avete letto bene. Non un comune, un ospedale. La risposta del governo? Tagliare sugli esami – a detta loro – inutili. Come dice Luigi si devono fare una TAC al cervello!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.