11 dicembre 2016

Fiumicino – Ex Centrale Enel, Pavinato: “Consigliera Velli contraria a polo cultura”

Se la consigliera comunale Fabiola Velli ritiene che l’idea di un Auditorium, di un polo culturale di aggregazione della cittadinanza, di un luogo dove i ragazzi possano crescere e divertirsi, faccia letteralmente schifo o che sia solo una trovata, allora proprio stento a comprendere di cosa possa occuparsi davvero un movimento che dice di essere espressione della volontà cittadina. Meglio allora una città, anzi un Comune, senza identità, privo di una casa della cultura, dove i giovani vagano per strada senza meta: questo è il ritratto voluto dal Movimento Cinque Stelle per Fiumicino. E allora faccio loro le mie congratulazioni per l’ottima pensata. E non mi si venga a raccontare la solita favoletta del Teatro Traiano, che sanno perfettamente essere privato e inagibile. Sicuramente per ridare vita a un monumento al degrado di circa 20 mila metri quadrati e ai circa due ettari di terreno che lo circondano serviranno dei fondi, ma saranno soldi ben spesi a favore della nostra comunità.
Che la festa di sabato sia stata un fiasco è poi una bieca menzogna urlata da chi alla festa neanche ha partecipato. Dov’era la consigliera Velli? Nessuno pare averla vista. E se anche fosse venuta a notte inoltrata, forse le è sfuggito che dalle 14 in poi, quando i ragazzi scout e molte altre persone si sono presentate volontariamente per pulire l’area intorno alla centrale, fino alla sera, mentre era in altro affaccendata, oltre mille persone hanno potuto mettere piede per la prima volta all’interno di un’area che per anni e anni è rimasta abbandonata, senza che alcuno se ne interessasse. O era preferibile lasciare tutto nel degrado più totale, nel cuore esatto della città? Chi ha partecipato alla giornata di sabato poi è stato allietato da numerose iniziative che sono state molto apprezzate.
Se la Velli, invece di blaterare a vuoto, avesse realmente partecipato alla Festa della Luce, con ogni probabilità sarebbe riuscita a illuminare i punti oscuri che solleva pubblicamente.

Lo dichiara il consigliere comunale Giuseppe Pavinato.