4 dicembre 2016

Car sharing, Galletti: “E’ boom, ma serve atto legislativo per regolamentarlo”

“Il car sharing ci è sfuggito di mano” nel senso che “non pensavamo potesse andare così bene”, quindi ora potrebbe essere utile dotarsi di “un atto legislativo” per meglio regolamentare un settore in grande sviluppo. Lo dice il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, nel suo intervento a ‘+Pil, +lavoro, -CO2: la mobilità come fonte di sviluppo economico e sociale’, incontro sulla mobilità sostenibile oggi alla Pelanda, a Roma.

“Credo che il car sharing sia uno di quegli istituti molto utili perché ci consente di utilizzare meno l’auto privata e condividere l’uso delle automobili, nell’obiettivo di migliorare la mobilità sostenibile”, spiega poi Galletti a margine del convegno.

Il fatto è, prosegue il ministro, che “avevamo sottovalutato questo strumento, nel senso che ha avuto che ha più successo anche di quanto i più ottimisti potessero pensare“.

Ciò detto, “credo che valga la pena di fare una riflessione- prosegue Galletti- se da punto di vista giuridico questo istituto vada meglio regolamentato”.

Oggi, infatti, segnala Galletti, “ci sono dei problemi, gli operatori ce li segnalano nella contrattualistica, nel riuscire a evidenziare bene quel che è da un punto di vista giuridico”. Ciò detto, “credo che valga la pena oggi di fare un approfondimento”.

“La mobilità sostenibile oggi non è un tema che riguarda solo i comuni ma tutto il Paese, nel senso che è un obiettivo che noi abbiamo assunto come Paese- spiega poi a margine Galletti- quello di ridurre la CO2 di almeno il 40%” entro il 2030″. Quindi, conclude il ministro, “serve una strategia nazionale che preveda anche degli investimenti. Ne vale la pena e ci sono i margini”.
Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5941 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.