5 dicembre 2016

Calcio – Serie A, tutte le dichiarazioni milaniste del post partita del derby

MISTER MIHAJLOVIC: “Come ho detto, sono abituato a dire le cose come stanno. Come non ero contento dopo l’Empoli, oggi lo sono, nonostante il risultato. Ho ritrovato la squadra. Per quello che abbiamo fatto sul campo, non meritavamo di perdere. Se continueremo in questa maniera, migliorandoci, possiamo vincere tante partite. So bene che abbiamo 3 punti in tre partite, ma spero che la prossima partita con il gioco, arrivino anche i punti.
Nel primo tempo dovevamo sfruttare meglio le occasioni, però è importante farle. Contro l’Empoli non le avevamo fatte, oggi si invece. Posso essere contento perchè la prestazione c’è stata. Sono fiducioso, ma lo sono sempre stato. Ci è voluto del tempo, ma oggi abbiamo fatto bene.
Oggi avevamo problemi in mediana, ma Honda secondo me ha fatto bene in fase difensiva, meno bene in quella offensiva. Abbiamo cambiato i centrocampisti rispetto l’ultima partita. Per me De Jong è un giocatore importante, così come Montolivo. Abbiamo impostato la partita per vincere, sia De Jong che Montolivo sono giocatori importanti come detto. Evidentemente tutto quello che ci siamo detti e parlati è servito. Se giocheremo ancora così, le vittorie arriveranno, dobbiamo essere fiduciosi”

CAPITAN RICCARDO MONTOLIVO
“L’ultima partita ufficiale l’avevo fatto a febbraio, forse non era semplice tornare in campo in una partita del genere. Siamo molto dispiaciuti per il risultato, anche perchè stata una gara equilibrata. Se c’era una squadra che doveva vincere, eravamo sicuramente noi. Purtroppo in gare simili, chi segna per primo, poi spesso vince. Ci sono stati passi avanti nella prestazione ed abbiamo giocato in maniera più spensierata. Nelle prime partite forse eravamo più bloccati. Sabato contro il Palermo dobbiamo vincere. Non può essere una sconfitta decisiva questa. Abbiamo disputato solo tre partite di campionato. Dobbiamo migliorare nella gestione della partita. Abbiamo fatto un primo tempo di grande intensità, sbagliando qualche verticalizzazione, forse forzandola in qualche caso, quando magari in alcuni casi dovevamo fare più giro palla. In queste letture dobbiamo migliorare. Siamo fiduciosi, sulla strada giusta. Lavoriamo con coraggio. Se giochiamo in questa maniera, vinceremo tante partite. Kucka ha fatto bene. Non è facile nemmeno per lui rientrare in questa maniera dopo la nazionale. Ci ha dato tanto, sia in qualità, sia in quantità. E’ il Mario Balotelli che desideriamo vedere tutti i giorni, quello di questa sera. Si allena così tutti i giorni. Diamogli tempo e a Natale tiriamo le somme su quanto è cambiato”

CRISTIAN ZAPATA
“Dispiace tanto di aver perso il derby per come abbiam giocato, perchè abbiamo avuto tante occasioni e perdere così ci lascia un po’ l’amaro in bocca. Dovevamo avere un uomo su Guarin, che ha fatto un bel gol. Da qui in avanti dobbiamo giocare con la stessa mentalità. Dobbiamo ancora lavorare, ma se oggi avessimo fatto gol sin da subito sarebbe stata un’altra partita. Con Romagnoli ci intendiamo molto bene. Mi dà tanta fiducia e voglia di far bene il fatto di sentire la stima di tutti.”

MISTER MIHAJLOVIC
“I ragazzi devono stare sereni e continuare a lavorare così, andiamo avanti con la fiducia cercando di fare quello che abbiamo sempre fatto, ma cercando di migliorarci. Bacca ha fatto meno bene degli altri e mettere Balotelli con tre attaccanti significava rischiare di più, quindi ho deciso di fare diversamente ma ciò non significa che non si possa giocare con tutti e tre. Quando vinciamo vinciamo tutti e quando si perde perdiamo tutti, sia De Jong che Montolivo sono due giocatori importanti ma diversi e oggi mi serviva più qualità. Oggi ha fatto bene tutta la squadra anche il centrocampo. Honda ha fatto il lavoro sporco forse poteva fare qualcosa di più in avanti. Non dimentichiamoci che ci manca Menez, se ci fosse stato avremmo potuto giocare con lui ed essere ancora più offensivi. Ci può anche stare che Balotelli. Bacca, Luiz Adriano possano giocare insieme ma è difficile in una partita contro l’Inter. Il modulo non lo cambiamo, possiamo avere modulo alternativo per giocare ma visto che ci manca Menez e Niang che sono giocatori che ti permettono di cambiare, non si cambia. Se una squadra gioca bene è inutile cambiare modulo. I miei modi possono apparire bruschi ma io dico sempre quello che penso, sono contento di questa prestazione perché quando giochi il derby davanti a 70 mila persone e giochi con l’Empoli è diverso, quindi sono contento di aver ritrovato lo spirito che volevo. I ragazzi devono essere contenti di quello che hanno fatto, siamo ovviamente dispiaciuti del risultato, ma devono andare a testa alta perché hanno fatto tutto quello che si poteva fare. Questa è la squadra che mi piace. Non possiamo giudicare Mario dopo uno spezzone di partita, lui sa che deve continuare ad allenarsi bene e comportarsi bene, sono contento di quello che ha fatto ma può fare molto di più. Più tempo passa e più Mario diventa quello che tutti ci aspettiamo. Tutti possono scalare le gerarchie, nessuno ha il posto assicurato, io guardo gli allenamenti e lo stato di forma e gioca chi si merita di giocare. Se incontri squadre che sono più o meno sul tuo stesso livello è difficile partire con tre attaccanti perché intacca l’equilibrio del centrocampo e della difesa, poi con altre squadre si può partire con tre attaccanti. Sono contento dei fischi dei tifosi nerazzurri perché la cosa più brutta è l’indifferenza, poi credo fossero fischi più per amore che per odio.”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.