8 dicembre 2016

Inserimento scolastico infantile: i comportamenti positivi dei genitori

dv805017

Quando inizia l’esperienza della scuola, è quasi inevitabile che il bambino pianga al momento del distacco. Il pianto serve per scaricare la tensione, è liberatorio e non deve preoccupare, perché nella maggior parte dei casi finisce in fretta. Alcuni bambini possono sentire la tristezza durante la mattinata, perché la mancanza di mamma e papà oppure perché sono disorientati innanzi alle novità. Perché il bambino senta l’ambiente nuovo come  sereno, tranquillo, ci sono alcune condizioni importanti: l’ambiente deve essere accogliente e a misura di bambino; l’educatrice deve accogliere il bambino cercando di stabilire un contatto con lui, ad esempio, guardandolo negli occhi, mostrandosi disponibile sin dall’inizio; i genitori devono far capire al bimbo di essere sereni perché lo hanno lasciato in un bel posto, dove starà bene e che torneranno a riprenderlo, dicendo che ‘si va via solo per pochi minuti’ esclusivamente se corrisponde alla verità, altrimenti, il bambino si sentirà tradito e insicuro e avrà timore che i genitori possano sparire inaspettatamente per non tornare più. Meglio essere onesti, e spiegare che dovrà stare un po’ a scuola, che giocherà coi compagni e che faranno delle attività insieme. Inoltre, risulta funzionale, spiegare l’esperienza che si sta per vivere parlandone in modo positivo e raccontando per esempio la propria esperienza. Si può raccontare come si svolgerà la giornata nei dettagli e fare in modo che il nome della maestra diventi familiare al bambino. Molto utile sarebbe rassicurare il proprio figlio e ascoltare il suo vissuto emotivo, dare giusto spazio alla narrazione spontanea di momenti della sua esperienza di vita, non pretendere risultati che il bambino non può raggiungere e, in accordo con l’insegnante, lasciare che porti il pupazzetto/copertina preferiti in modo da avere un oggetto consolatorio e che mantiene una continuità con la casa.