Tor Bella Monaca – Sparatoria del primo maggio, arrestato l’autore con l’accusa di tentato omicidio

Nel corso della notte, a conclusione di due mesi di serrate indagini condotte sotto la direzione della Procura della Repubblica della Capitale, i Carabinieri della Stazione di Roma Tor Bella Monaca hanno arrestato un 19 enne di Tor Bella Monaca, con precedenti penali e già sottoposto agli arresti domiciliari, ritenuto responsabile in concorso con un ragazzo, all’epoca dei fatti minore di anni 14, dei reati di tentato omicidio, detenzione e porto abusivo di pistola e lesioni personali.

I fatti risalgono alla notte del 1° maggio scorso quando, a distanza di mezz’ora l’una dall’altra, con due distinte telefonate al 112, venne segnalato l’arrivo in due ospedali della Capitale di due ragazzi uno di 20 anni e l’altro di 13, entrambi attinti da colpi di arma da fuoco.

Giunti sul posto i Carabinieri accertarono che tutto era scaturito da una rissa nata all’interno di una discoteca di Tor Bellamonaca per futili motivi – uno sguardo di troppo ad una ragazza – tra due gruppi di giovani, uno della zona e l’altro di San Basilio, a seguito della quale i primi si erano rapidamente diretti nelle palazzine del loro quartiere e, due di loro – l’odierno arrestato ed il minore – travisatisi con caschi e armati di pistola, a bordo di uno scooter di grossa cilindrata avevano intercettato l’autovettura fiat 500 dei giovani di San Basilio che stavano andando via, e che nel frattempo erano stati raggiunti da altri amici del loro quartiere a bordo di altre autovetture, e avevano quindi esploso diversi colpi di arma da fuoco, crivellando la fiancata dell’autovettura ove stavano viaggiando cinque giovani, attingendo alla spalla il 20enne poi giunto in ospedale, trasportato dagli amici.

Gli accertamenti ed il sopralluogo condotti nell’immediatezza sull’autovettura hanno fatto chiaramente constatare come i colpi fossero stati esplosi da una pistola di grosso calibro ad altezza d’uomo e che, solo per mera fortuna, non avevano attinto anche gli altri occupanti.

Successivamente, durante la fuga, anche il minore a bordo dello scooter era stato ferito alle spalle da un colpo di arma da fuoco, per cui era stato trasportato e ricoverato in ospedale.

Le indagini serrate, condotte mediante l’audizione di tutte le persone coinvolte nella vicenda e l’esame dei sistemi di video sorveglianza dell’intera zona, hanno consentito di ricostruire l’intera vicenda. Continuano gli accertamenti dei carabinieri per individuare l’autore dei colpi sparati all’indirizzo del minore.

Informazioni su Samantha Lombardi 4468 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it