3 dicembre 2016

Cupinoro – Sciopero della fame, vandali fanno a pezzi gli striscioni

Davanti alla discarica di Cupinoro, un attivista del movimento Fermiamo Cupinoro, Paolo Simonini, è all’ottavo giorno di sciopero della fame per protestare contro l’inquinamento provocato dalla discarica e i progetti per gli impianti a biogas e TMB previsti nell’area.

Intorno alle 10.00 vandali ignoti hanno strappato il lenzuolo con la scritta SCIOPERO DELLA FAME e tagliato a metà i due striscioni affissi al cancello del terreno dove l’attivista sta portando avanti questa protesta estrema e nonviolenta. A chi può aver dato fastidio l’iniziativa, al punto di compiere un simile gesto in pieno giorno e sulla Settevene-Palo, la principale arteria di collegamento tra Bracciano e Cerveteri?

Il Comitatio prega eventuali testimoni di comunicare tempestivamente ogni informazione per scongiurare possibili atti contro l’incolumità dei partecipanti all’iniziativa. Le forze dell’ordine sono state informate e sono intervenute tempestivamente. Paolo intanto continua la protesta e il digiuno, scrivendo ogni giorno lettere aperte a Papa Francesco sul suo blog.

About Samantha Lombardi 4007 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it