11 dicembre 2016

Rifiuti. 1.522 i Comuni Ricicloni in Italia, +192 dal 2014

Quest’anno sono 1.522 i comuni ‘ricicloni‘ in Italia, 192 in più del 2014, per circa 10 milioni di abitanti coinvolti. Oggi sono stati premiati quei municipi virtuosi, che avviano al riciclo più del 65% dei rifiuti, da Legambiente, che ha realizzato la XXII edizione di ‘Comuni ricicloni’ con il patrocinio del ministero dell’Ambiente.

Tutte le regioni italiane, con unica eccezione la Val d’Aosta, sono presenti nella classifica con almeno un comune. Tra i migliori, Parma, che è il primo comune con 200 mila abitanti ad aver superato il 65% di differenziata. Una menzione anche per Milano, che è la prima città con oltre un milione di abitanti ad aver superato la soglia del 50%. I comuni ricicloni si concentrano nel Nord del Paese, con 1.150 comuni coinvolti, il 75,5% del totale. Notevole, però, la crescita delle regioni del Centro-Sud, che vede aumentare i virtuosi dal 18% al 25% del totale nazionale, con 372 comuni coinvolti. Crescono in maniera particolare Marche e Campania, rispettivamente con 104 (+9,7% sul 2014) e 145 (+15,6% sul 2014) comuni virtuosi.

Stabile il Lazio, con solo 10 ‘ricicloni’ sui 378 comuni totali.

Eccellenza nell’eccellenza, tra i 1.522 ‘ricicloni’, 365 sono ‘rifiuti free’, quelli che nel 2014 hanno prodotto meno di 75 kg di rifiuto indifferenziato secco per ogni abitante in un anno. La dimensione di questi ultimi è quella del piccolo comune, con l’eccezione di Empoli.

Durante la premiazione, Legambiente ha lanciato il Manifesto dei circa 1.500 comuni e dei cittadini ricicloni, per un’Italia rifiuti free e per un’economia circolare made in Italy, con 10 proposte per superare l’emergenza e i conseguenti disastri ambientali. Il riciclo e il riuso alimentano anche la cosiddetta ‘economia circolare’, parte di una green economy che nel settore del riciclo e del ridisegno dei prodotti vede circa 150mila occupati in Italia.
Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.