4 dicembre 2016

Roma – Ragazza violentata, Tiburzi: “Solidarietà da più parti ma da domani tutto come prima.”

Ancora. E ancora la mia solidarietà a una ragazzina stuprata, alla sua famiglia, alle sue amiche. Una solidarietà che servirà a poco, che non cambierà nulla. Continuiamo a indignarci e a vivere in una città senza sicurezza, nelle cui strade, a sera, può essere violentata una ragazza che non ha ancora compiuto sedici anni.

Lo stupratore lo hanno già preso, ma questo non rimarginerà la ferita della giovane vittima. Le pene non sono certe nel nostro paese, e nemmeno i processi. Il controllo della città è scarso, se non nullo, com’è debole la repressione. Non si riparte dall’educazione che andrebbe insegnata ai giovani, perché una donna (e qualunque essere umano) non è un bell’oggetto, né uno sfizio o una proprietà. Poco male, però. Piovono, insieme alla mia, le solidarietà dei rappresentanti istituzionali. Pioveranno presto anche le promesse di dare in fretta più sicurezza alle donne.

Parole già ascoltate tante e tante volte. Poi tutto tornerà normale. A cominciare dai quartieri sempre meno illuminati, per esempio (brutta abitudine che sarebbe facile e veloce da rimuovere in piena economia) e dall’insufficiente presenza sulla strada delle forze dell’ordine. Polizia municipale compresa. Insomma, da domani tutto nuovamente a posto. Fino al prossimo stupro.

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.