11 dicembre 2016

Cronaca di una vittoria annunciata

Quanto accaduto nella tre giorni di Assen dimostra, a mio parere, che nello sport che amiamo di sportivo è rimasto poco. Per definire questa disciplina sarebbero più consoni termini come spettacolo o show business. Vi spiego perchè sono così drastico in questa analisi.

In Olanda la Bridgestone, senza preavviso alcuno, decide di cambiare tipologia di pneumatici, optando per quelli a spalla dura, come nel 2014. Tale scelta viene motivata perché ci sono tante curve lunghe e veloci che potrebbero mettere in crisi gli pneumatici. Sia chiaro la decisione è legittima , ma, permettetemi, poco plausibile visto che quelle a spalla morbida nelle trasferte spagnole, specie quella di Barcellona, ricche di curve lunghe e con temperature molto più alte, si erano comportate benissimo.

A chi sono indigeste queste gomme? Al pilota che dopo una firma ha centrato quattro vittorie di fila e si è portato ad un solo punto dal leader in classifica generale. Se le gomme del 2015 sono sempre andate bene, perché ritornare al passato? Chi si trova alla grande con queste vecchie coperture? Rossi e Marquez. Chi ha aggiornato la sua moto con il telaio del 2014? Coincidenze vero Gigler?

Pongo delle domande alla Bridgestone: visto che tiene così tanto alla sicurezza dei piloti, perché non portare allora le due tipologie di pneumatici per lasciar scegliere, poi, ai piloti? Un rider in lotta per il mondiale ma non a suo agio con gomme indigeste, non è forse un pericolo per se stesso e per gli altri? In una fase delicata della lotta per il titolo, quando la battaglia è pari e la vittoria si gioca sul filo del rasoio, perché diventare fattore determinante a favore di uno con un ritorno al passato? Perché il presente non piace?

Passiamo all’altro episodio chiave ossia il modo di applicare il regolamento. Nella chicane prima del traguardo, Marquez infila il 46 ed entra all’interno per primo, in una posizione ottimale per lanciarsi verso il traguardo. Rossi allunga la frenata, chiude la traiettoria al 93 con un tocco (Marc riesce a continuare in pista la sua azione tranne che per una piccola divagazione sull’erbetta sintetica dopo il cordolo) e tira dritto nella sabbia e taglia la chicane, avvantaggiandosi. Una difesa non solo non pulita ma anche irrispettosa della regola che dice che i piloti devono usare SOLO la pista.

Il fatto è questo: se il taglio di chicane di Rossi è dovuto alla scorrettezza di Marquez, quest’ultimo va sanzionato. Ma se l’azione di Marquez è regolare, senza dubbio il taglio di chicane non lo è, quindi Rossi deve essere sanzionato. La direzione di gara, invece, nulla ha deciso ed ha considerato nella norma il finale di gara.

Cara direzione non ci siamo, perché così si fa credere che i contatti nel motociclismo siano normali e regolari. Sappiamo bene che così non ed anzi questa idea è pericolosa! Cosa penseranno i giovani centauri ai primi scontri tra i cordoli nel vedere impunite simili manovre? Normale scontro di gara? Perché scontrarsi è normale e non pericoloso? Poi, guarda caso, gli scontri in gara sono sempre normali quando di mezzo c’è lui….. Uno dei due ha sbagliato e fare da Ponzio Pilato non aiuta a far crescere questo sport.

Chi ha scritto che i commissari non potevano che confermare il verdetto della battaglia, perché qualunque altra decisione avrebbe scatenato polemiche dimentica che le regole si applicano a tutti, a prescindere chi siano i destinatari. Lanciare questo messaggio significa accettare l’idea che un ministro che ha commesso un reato non può essere arrestato perché si temono le polemiche dei simpatizzanti del suo partito. Cos’è la legge non è uguale per tutti? I piloti sono tenuti a conoscere ed osservare le regole o no? C’è un principio di equità o le regole si applicano ai non amici mentre si interpretano per gli amici?

Ah, dov’era il responsabile della sicurezza? “Aaahhaaaaaa….Ooooohoooo…Uuhhuuuuuu…Bravo Vale!”. Non c’è un piccolo conflitto d’interesse in chi dovrebbe occuparsi di sicurezza di tutti i piloti e nello stesso tempo lavora per lo sponsor principale di un team di un pilota della MotoGp?

Lasciamo stare, poi, chi ha dato del poveraccio a Marquez e scomodato la Madonna per parlare di Lorenzo. Jorge…..Chi parte ottavo e conclude terzo è un Dio o un pirla a seconda del numero che porta sulla carena: fate vobis.

Psicologia…..Premesso che se tengono così tanto a fare gli psicologici perché non iniziano a studiarsi, ma come si fa a dire che Lorenzo è stato demolito psicologicamente? Lorenzo ha fatto un gara nei limiti di una scelta strana ed improvvisa della Bridgestone, altro che psicologia….Mi sa che servono davvero dei bravi psicologi per queste penne attenti al polso ed alla psiche. Una domanda sorge spontanea per loro: quale psiche vi spinge a creare guerre psicologiche?

Ho letto che Rossi orienta le prospettive della MotoGp e che se le cose vanno bene a lui vanno bene anche alla tv, all’organizzatore e agli sponsor. Beh tutto dipende da come queste cose vanno bene. Se per andare bene c’è bisogno di ritornare alle Bridgestone del 2014 e a sorvolare sulle regole, beh qualcuno ci guadagnerà pure, ma non lo sport.

Poi, sicuro che così l’organizzatore, la tv e gli sponsor vanno a guadagnarci? Ossia che interesse ha uno sponsor nel dare i propri soldi ad un team che non rientra nel cerchio magico? Che interesse hanno gli appassionati nel sottoscrivere un abbonamento, se tutto è deciso a tavolino (il confronto con la Sbk deve far riflettere)? Certo si guadagnano i tifosi, ma siamo sicuri che questi siano la maggioranza e siano vogliosi di pagare per vedere la diretta e non aspettare la differita (l’appassionato anche se è a corto di denaro trova sempre i soldini per godersi lo spettacolo….). Se un organizzatore favorisce un pilota rispetto ad un altro, si tira la zappa sui piedi, perché non solo perde di credibilità, ma scoraggia gli altri piloti a dedicare tempo, energie e soldi nella disciplina organizzata; alla lunga perderà a “Filipp e ‘o panar”.

Una cosa è certa: ieri non mi è piaciuto ascoltare le note dell’inno di Mameli a termine di questa rappresentazione. Da italiano non mi piace vincere facile. Ai presunti campioni di ascolto preferisco quelli veri.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.