4 dicembre 2016

Mondiale SBK – Tom Sykes rinasce a Donington Park, è doppietta

Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) è tornato sui livelli dello scorso anno, completando la doppietta a Donington Park, la prima in WorldSBK dopo quasi 11 mesi, grazie ad una gara 2 semplicemente perfetta, che lo ha visto dominatore dallo spegnimento delle luci alla bandiera a scacchi con tanto di nuovo record della pista in gara di 1’27.640, fatto segnare al secondo giro. Il nativo di Huddersfield, West Yorkshire, porta quindi a 24 il numero di affermazioni nella competizione, risollevando una stagione iniziata in sordina e chiudendo nuovamente davanti al compagno di squadra Jonathan Rea, con Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team) a completare il podio.

Grazie a questo secondo successo di giornata su altrettante gare, Sykes eguaglia il quattro volte Campione del Mondo Superbike Carl Fogarty quanto a numero di vittorie conquistate sulla pista inglese, restando imbattuto per il terzo anno di fila.

Nonostante il podio identico rispetto a gara 1, il modo in cui si è concretizzato in questa seconda corsa è stato decisamente differente. Rea, infatti, ha avuto il suo bel da fare per recuperare posizioni dopo un quasi highside alla Coppice (Curva 8) nel corso del secondo giro, che gli ha fatto perdere diverse posizioni. Transitato sul traguardo in settima posizione, il capo classifica si è messo a testa bassa all’inseguimento degli avversari, riuscendo a conquistare il secondo posto durante il sedicesimo di ventitre giri grazie ad un sorpasso chirurgico su Davies, dopo che i due erano riusciti ad avere la meglio su un Leon Haslam in difficoltà.

Il pilota ufficiale Aprilia, secondo per gran parte della gara, si è dovuto difendere nel finale anche da Davide Giugliano (Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team), riuscendo a chiudere al quarto posto proprio davanti al romano. Sesto posto per Alex Lowes (Voltcom Crescent Suzuki), a precedere Jordi Torres (Aprilia Racing Team – Red Devils), Sylvain Guintoli (Pata Honda World Superbike) ed i due italiani Ayrton Badovini (BMW Motorrad Italia), che chiudono la top-10 in nona e decima posizione.

Weekend da incubo per Michael van der Mark (Pata Honda World Supersport), costretto al ritiro per problemi tecnici, cadute invece per Leon Camier (MV Agusta Reparto Corse), scivolato alla esse Fogarty nel corso del quarto giro, per Nico Terol (Althea Racing Ducati), autore di un brutto highside alla curva otto durante l’ottavo giro e per Christophe Ponsson (Team Pedercini Kawasaki).

Fonte: worldsbk.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.