10 dicembre 2016

Governo Civico: la deragliata a destra del Partito Democratico di Cerveteri

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

“Cesare! Roma chiede sesterzi!” urlava il popolo. “No, vado dritto!” Rispondeva l’imperatore. Maurizio Falconi invece, Segretario Amministrativo del PD di Cerveteri, svolta a destra, anzi a destra estrema. No, non stiamo scherzando (e non c’è niente da scherzare). Lo ha fatto di nuovo. Come leggiamo da un quotidiano online del territorio, il leader maximo del comitato ‘Pascucci a casa’, dopo aver richiesto l’occupazione del suolo pubblico per conto dei giovani forzanovisti col fascio littorio sulle maglie, e dopo aver fatto sventolare le loro bandiere insieme a quelle del PD cerveterano, nel corso della manifestazione-farsa di Campo di Mare ha sollevato fieramente lo striscione preparato insieme ai ragazzacci di Forza Nuova.
Ora, è fuori discussione che il salvataggio della stagione balneare si deve alla mediazione dell’Amministrazione Pascucci tra la Società Ostilia e l’Assobalneari, con l’organizzazione del primo incontro (della storia politica di Cerveteri) tra le due parti, lo scorso gennaio. Forse in quei mesi Falconi e Forza Nuova frequentavano altri lidi invece che le spiagge di Campo di Mare.
Occorre invece sottolineare che, in tanti anni, non abbiamo mai visto il “barricadero” Falconi, né altri esponenti del PD di Cerveteri, tirar fuori una sola proposta utile per la risoluzione dei problemi di Campo di Mare. E capirete se ci sorge qualche dubbio quando li vediamo oggi tutto d’un tratto impegnati, ma a braccetto di certe compegnie. Ma allora qual’era l’intento della manifestazione? Difendere i balneari, peraltro già ben difesi dall’Amministrazione, oppure per strumentalizzare i loro disagi, farne una bandierina, un’altra critica qualunquistica all’Amministrazione?
Ognuno è libero di valutare da sé la credibilità di personaggi che di giorno occupano ruoli di coordinamento nel Partito Democratico di Cerveteri e la sera disegnano striscioni insieme ai neofascisti.
Ci auguriamo che ora nessuno verrà nuovamente a giustificarsi con la patetica motivazione della partecipazione a titolo personale. La politica, l’appartenenza ad un insieme di Valori, è una cosa seria e considerati gli ultimi episodi, politicamente parlando, di serietà ne vediamo pochissima. Non possiamo neanche accusare una persona come Falconi di voler cavalcare l’onda della protesta, perché se la sua onda è rappresentata da Forza Nuova, caro Falconi, visti i risultati alle urne, lei non sarà mai un buon surfista.

[/quote]

Riceviamo e pubblichiamo