6 dicembre 2016

Futsal – Serie A2, Isola, Ghiotti: “Prendiamoci la finale.”

L’ex Baku senza giri di parole: “Assenze? Tante ma nessun alibi. Vogliamo la serie A1. Fiumicino se lo merita”

Yoshi in Giappone, Zoppo squalificato, Lutta out dopo l’incidente stradale (preso in pieno da un tir mentre era fermo), Moreira infortunato. La sfiga ha bussato forte. Ad Agusta per la prima delle due semifinali play off rischia di andarci un’Isola in formato ‘mini’.

IL RUGGITO DEL CAMPIONELe assenze? Peseranno ma non cerchiamo alibi. Anche con la CarliCogianco giravamo in sei e pure abbiamo battuto la squadra più forte del campionato”. È stato Alex Ghiotti a caricare la squadra. “Siamo un grandissimo gruppo e nelle situazioni di estrema difficoltà ci gasiamo. Siamo in pochi? Venderemo ugualmente cara la pelle. Vogliamo la finale play off, ce lo meritiamo per tutto quello che abbiamo fatto”. Prima bisognerà battere l’Augusta. “E non sarà una passeggiata – dice l’ex Baku -. Sono una grande squadra che ti mette in difficoltà con questo portiere di movimento. Devi prenderli sempre con le molle, stare al cento per cento mentalmente altrimenti rischi brutte figure. Possibilità? Fare percentuali in questi casi è un terno al lotto. Dobbiamo pensare a noi stessi, mettere in campo quella grinta e determinazione che abbiamo dimostrato di avere, poi vedremo”.

OBIETTIVO SERIE AObiettivi? Nessuno gioca per perdere. Puntiamo al massimo. Partita dopo partita abbiamo capito di essere forti, di poterci giocare le nostre carte. Dispiace per il campionato: a conti fatti se non avessimo sbagliato un paio di partite avremmo potuto lottare per la prima posizione. Non è andata, ora abbiamo la possibilità di rifarci ai play off”. Andata ad Augusta ritorno il 2 maggio sul ‘neutro’ dell’Honey in via di Macchia Saponara: “Non poter giocare le partite casalinghe al PalaMirkoFersini è dura. Quando ti alleni tutto l’anno su un campo finisci per conoscere a memoria ogni dettaglio: dimensioni, superfice. E i dettagli a questo punto fanno pendere l’ago della bilancia. Giocare su un campo che non conosciamo sarà un handicap ma come ho già detto qui nessuno cerca scuse o alibi: possiamo arrivare in finale e giocarci l’accesso alla serie A1. Siamo una grande squadra e lo dimostreremo anche sabato ad Augusta”.