6 dicembre 2016

Roma – È caos insegnati, municipi presi d’assalto

“Quanto avvenuto ieri mattina con l’arrivo di circa 200 insegnanti di asili nido e scuole dell’infanzia in Municipio è insostenibile. – dice Emiliano Sciascia Presidente del Municipio IV – Le educatrici scolastiche, a seguito del ripristino del contratto unilaterale dopo il risultato del referendum, si sono trovate a dover prestare servizio nella sede del Municipio senza che nessuno tenesse conto del fatto che il personale dipendente debba invece essere inserito in contesti lavorativi in base alle proprie competenze e professionalità. Una situazione di questo genere lancia più di un campanello d’allarme soprattutto in previsione del periodo estivo durante il quale la situazione sarà ben più grave.”

La giunta comunale aveva già sottolineato questo rischio, nella fase in cui vigeva la pre-intesa – dice il Presidente – stabilendo la sospensione delle nuove regole sulla fruizione delle ferie e dei periodi a disposizione. E’ del tutto evidente che la necessità di risolvere questo problema è più che urgente al fine di evitare il collasso delle strutture territoriali.

La sede del nostro Municipio, – dice ancora Emiliano Sciascia – che già versa in una situazione di grave disagio per i dipendenti del municipio stesso non è assolutamente in grado di garantire gli standard di sicurezza per ospitare ulteriori 200 dipendenti che questa mattina si sono visti costretti nell’aula consiliare.”

Chiedo agli Assessori competenti – chiude il Presidente – di intervenire al fine di consentire al personale educativo di continuare a svolgere il proprio lavoro senza essere sminuito o svilito come avvenuto nella giornata di oggi e come potrebbe continuare ad accadere se non si intervenisse immediatamente.

Stessa situazione nel XIII Municipio dove diverse insegnanti si sono recate nei locali comunali. “Con la chiusura all’utenza di asili nido e scuole dell’infanzia – dichiara il Presidente del Municipio XIII Roma Aurelio Valentino Mancinelli emergono in maniera palese, soprattutto a valle del ritorno all’atto unilaterale, i limiti del contratto decentrato di Roma Capitale nel settore educativo scolastico.

Decine di insegnanti si sono trovate a doversi recare nel Municipio di appartenenza senza che le stesse sedi fossero logisticamente attrezzate ad accoglierle, ospitate nel caso del Municipio XIII nell’Aula Consiliare, in una situazione di precarietà irriguardosa sia per il personale scolastico che per l’Istituzione.

In previsione del prossimo mese di luglio ci si troverà, in mancanza di un modello organizzativo funzionale, con la situazione ingestibile. Personale qualificato a cui è richiesta una laurea e requisiti stringenti per l’accesso alla professione non può che essere impiegato che nelle mansioni previste dal contratto.

L’Amministrazione comunale raccolga il sentimento di disagio che emerge dal settore educativo di Roma Capitale provvedendo ad emanare disposizioni ragionevoli e rispettose del ruolo dei municipi e delle funzioni degli insegnanti”.

Anche il consigliere capitolino e vice coordinatore regionale del Lazio di Forza Italia Giordano Tredicine, attacca l’ottimizzazione delle risorse umane prevista dalla Giunta Marino.  “Far stare 100 educatrici in una stanza senza sedie a non far niente per due giorni, visto che nidi e scuole dell’infanzia sono chiusi per le feste pasquali, sarebbe l’ottimizzazione delle risorse umane e la razionalizzazione dei servizi in nome delle quali Marino sta riformando le buste paga di 24 mila lavoratori? Solidarietà alle educatrici e un appello, vista la Santa Pasqua alle porte,  a tutti i dipendenti capitolini: perdonatelo. Non sa quello che fa.