PIL e omosessuali: quando per alcuni “liberi” conta più il culo che il cervello



Un troglodita amava dire che “Nella vita occorre avere più culo che cervello”. A questi sembra essersi ispirato chi ha scritto che “Gli unici a non sentire la crisi sono gli omosessuali perché crescono, a dispetto del calo del PIL, in continuazione”. I simili, è risaputo, hanno la stessa profondità di pensiero.

Non so a voi, ma chi utilizza frasi come “patata bollente” riferendosi ad una donna oppure scrive che i “napoletani si bruciano da soli” o che “i terroni comandano nel governo”, mi fa schifo e mi fa ridere.

La cosa che fa più ridere è che le teste di questi ominidi di “qultura” oltre ai loro titoli, proprio come i loro articoli, non hanno alcun contenuto, neanche una manciata di paglia o di letame; c’è il vuoto assoluto.

Comprendo che per attirare l’attenzione dei lettori occorra utilizzare titoli in grado di calamitare il loro interesse, ma è pur vero che, senza scomodare la deontologia giornalistica, non devono mai venir meno il rispetto e l’educazione.

Premesso che titoli simili sono irrispettosi, ma che diavolo c’entra il PIL con la sessualità? Sessualità, poi, che viene derisa per il semplice fatto di non essere etero.

Che problemi hanno con quelli nati al di sotto della città di Roma? Dai, neanche se gli avessero fregato la morosa…Spè…Ma questa è un’altra storia…No, dai, davvero hanno bisogno di cadere così in basso per far notare al mondo la loro esistenza? Sono così miseri?

Dorian Gray amava dire “Nel bene o nel male, purchè se ne parli”; in questo caso, però, si parla delle gesta di evidenti soggetti gravemente malati, senza una mente.

La libertà di stampa e di espressione non significano libertà di scrivere tutto; un conto è poter discettare su tutto un altro è scrivere tutto. Va salvaguardato il diritto di ognuno ad esprimere le proprie convinzioni ma al tempo stesso occorre porre un freno al trionfo dell’offesa.

Omuncoli che, ricordo, non disdegnano di mettere in tasca i soldi pubblici, anche quelli dei terroni e dei gay.

Pecunia non olet, certo, ma quanto “foetor” nelle loro esistenze…

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12777 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.