Web e linguaggio: taggare, bannare, rentare…

Web e linguaggio: taggare, bannare, rentare...



Cliccare, loggare, bannare e il recentissimo “rentare” (dall’inglese to rent affittare) sono solo alcune delle parole entrate nell’uso comune anche di chi non smanetta compulsivamente al computer. Un linguaggio noto nei particolari ai più addentrati i cui frammenti però sono giunti a livello di massa, tant’è che alla fermata del bus ho sentito una signora vantarsi di aver fatto bannare dal tavolo del bridge una che vinceva sempre.

Il purismo della lingua è un ricordo lontano e gli inglesismi in italiano sono più di duecento, ma il fenomeno è planetario e l’inserimento di parole straniere nella lingua locale non conosce barriere. Sull’atollo più sperduto si potranno trovare nel menu piatti come la “pizza quattro stagioni”, o la “cotoletta alla milanese, intraducibili e famosi.

Ma cosa fa di una parola una parola di successo?

Alcuni geni del marketing si sono interessati alla questione scoprendo che trovare “attraente” una parola e sentirsi spinti ad usarla dipende dal contesto in cui è stata adoperata, quindi i social o un gruppo con cui si condividono attività e interessi. Conta ancora di più la persona che la usa o la pronuncia in quanto lo stesso termine, proferito da uno a cui non attribuiamo importanza, ci lascia indifferenti. Per semplificare si può dire che al giorno d’oggi il linguaggio si comporta come i vestiti: si usano quelli che vanno più di moda!

Un altro fattore è il bisogno psicologico di appartenenza, che porta a usare fra persone che vivono insieme, espressioni ricorrenti per rinsaldare il legame. Quasi, una sorta di password linguistica per tracciare un confine tra chi è dentro e chi è fuori dal gruppo. Infine può sembrare strano eppure ci sono parole simpatiche e altre capaci di turbarci al solo sentirle nominare. Esempio pratico è la parola “selfie”, giudicata fra le più popolari degli ultimi anni, associata di norma a singoli o a gruppi che si sono disposti in combinazioni fantasiose per scattarsi una foto.

Autoscatto fa paura

Tradotto sarebbe il vecchio autoscatto che nessuno si azzarda più a chiamare in questo modo pena l’essere bannato per sempre dal contesto civile. Quindi la parola selfie suggerisce allegria contenendo un senso di libertà e di gioco che ne ha decretato il successo, e non è un caso che sia la preferita delle star. All’opposto un termine come “attenzione” è risultato il maggiormente stressogeno a causa dei numerosi fattori di pericolo che può evocare. Dire “attenzione” , in italiano o in inglese,con tono allarmato è sufficiente per far schizzare la pressione verso l’alto inducendo meccanismi di difesa.

Ma consoliamoci, oggi il linguaggio ci consente di toglierci delle piccole soddisfazioni e la parolina magica che serve allo scopo è proprio “bannare”. Ognuno di noi può bannare (eliminare) un altro dall’elenco degli amici, esercitando un potere assoluto: “banno”, quindi sono! Il grande potere del bannare colpirà poveretti ignari destinati ad essere cancellati con un semplice click fatto sul loro nome nel più totale anonimato. Attenzione però scoprire da chi e quando  si è stati bannati non è difficile e la vendetta potrebbe essere adeguata ai tempi digitali . Potremmo essere “taggati”(identificati) in foto in cui sembriamo usciti dal museo degli orrori, scoprendo che le stesse circolano liberamente impazzando in rete e provocano su di noi commenti poco lusinghieri.

E’ il lato meno piacevole del web e bisogna conoscerlo per difendersi in maniera adeguata…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.