Calcio, Giovanissimi Provinciali, Città di Valmontone, De Angelis: “Questo gruppo può divertirsi”

Calcio, Giovanissimi Provinciali, Città di Valmontone, voglia di ripartire

Un inizio promettente di campionato, anche se nell’ultimo turno è arrivata una sconfitta.
I Giovanissimi provinciali fascia B del Città di Valmontone calcio hanno voglia di ripartire dopo l’1-2 interno contro il Soccer Team Colleferro.
In questo avvio di stagione hanno messo in mostra diverse qualità come conferma mister Aldo De Angelis.
«Prima dell’inizio del campionato ritenevo che questo gruppo doveva pensare più che altro a consolidarsi e a lavorare in prospettiva, invece penso che già da questa stagione i ragazzi si possano divertire perché hanno dimostrato di essere competitivi.
Dopo la sconfitta all’esordio contro il Real Rocca di Papa, che sin da subito ha fatto capire di essere la favorita assoluta di questo girone e non a caso ha ottenuto
cinque vittorie consecutive, abbiamo infilato tre successi di seguito e poi abbiamo perso domenica scorsa al termine di una gara abbastanza sfortunata».

L’allenatore ex Colonna entra più nello specifico dell’ultimo incontro

«Abbiamo giocato un buon primo tempo andando in vantaggio con Leccadito e sciupando altre buone occasioni.
Poi nella ripresa un episodio ha cambiato la gara, vale a dire la concessione di un calcio di rigore che non c’era a favore di un avversario come il
Soccer Team Colleferro che ha dimostrato comunque di essere un’ottima squadra.
Poi a cinque minuti dalla fine abbiamo subito il decisivo gol dell’1-2, ma devo dire che il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto».
Nel prossimo turno i Giovanissimi provinciali B del Città di Valmontone dovranno far visita alla Vivace Furlani.

«Hanno sei punti in classifica, tre in meno di noi: dovrebbe essere una squadra dal valore abbastanza simile al nostro, cercheremo di fare una buona prestazione».
De Angelis conclude parlando del suo inserimento nello staff tecnico del Città di Valmontone.
«Ho trovato una società organizzata e vicina alle esigenze di tutti i suoi gruppi, anche se ovviamente venendo da una fusione c’è bisogno di tempo per poter trovare
i giusti equilibri interni».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*