Caso Anna Frank, perquisizioni in 13 appartamenti di tifosi laziali

Caso Anna Frank, perquisizioni in 13 appartamenti di tifosi laziali



Continuano le indagini sul caso adesivi Anna Frank.
Nel corso della mattinata la Digos di Roma, in collaborazione con il  Commissariato di polizia di stato di Prati,  ha eseguito 13 perquisizioni domiciliari nei confronti di alcune persone appartenenti alla tifoseria laziale più radicale e legata alla destra.
A seguito del blitz, infatti, sono partite le  indagini  nell’ambito del procedimento penale per i comportamenti discriminatori con gli adesivi di
Anna Frank con la maglietta della Roma, e che sono stati attaccati in curva sud in occasione della partita Lazio Cagliari del 22 ottobre scorso.

Caso Anna Frank, riconosciuti i tifosi laziali autori del gesto

I tifosi laziali, da quanto si apprende, sono stati riconosciuti tra gli autori materiali che hanno attaccato  gli adesivi dal contenuto antisemita, tra i quali quelli della
giovane deportata ebrea Anna Frank con indosso una maglia della Roma.
Durante l’operazione di polizia giudiziaria è stato rinvenuto materiale riconducibile, sia alla fazione ultras degli IRRIDUCIBILI, sia alla appartenenza a contesti
politici della destra extraparlamentare.

Divieto alle manifestazioni sportive per i tifosi

Tutti gli indagati, dopo le indagini di oggi,  sono stati sottoposti con effetto immediato al Divieto di Accesso alle Manifestazioni Sportive.
Sono in corso ulteriori indagini da parte della Polizia di Stato per individuare altri soggetti per i quali la Procura di Roma procederà alla contestazione del
reato di discriminazione ed incitamento all’odio raziale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.