MotoGp, Giappone 2017: la pagella del Dicos

ANDREA DESMODOVI 10: La bellezza della sua impresa, a mio avviso, non è solo nella rimonta dalla nona casella della griglia; la grandezza è nel come ha piegato un pilota veloce, funambolico ed efficace come Marquez. Andrea ha vinto di classe, in modo netto, deciso e perentorio, senza possibilità di appello. L’errore di Marquez negli ultimi metri è la testimonianza di come l’italiano sia stato un mastino che ha mollato la presa solo dopo averla sbranata. Un successo che riapre il mondiale e che fa sognare gli sportivi italiani. Provaci Andrea, provaci!

 

MARC MARQUEZ 9,5: E’ il grande sconfitto della giornata ma continua ad essere il favorito per la vittoria finale. Coglie il centesimo podio della carriera e l’abbraccio nel dopo gara al vincitore mostra, ancora una volta, che di classe ne ha anche fuori dai circuiti. Questo è il motociclismo che ci piace, non quello di chi, per coprire i propri errori, getta veleno sugli avversari. Sportivo!

 

DANILO PETRUCCI 8,5: Per molti giri è al comando ma quando il Dovi e Marc hanno messo il turbo, il suo polso è rimasto aspirato. Nel complesso, però, la prova resta notevole. Bravo!

 

ANDREA IANNONE 8: Se non si contano i secondi, è autore di una buona prestazione, anche perché mette indietro il compagno di squadra. I secondi, però, sono lì…..Piccola gioia!

 

ALEX RINS 7: Si inizia ad intravedere la pasta di cui è fatto. In crescita!

 

JORGE LORENZO 5,5: Sembra essere di nuovo il pilota che lotta con una moto che non vuole sapere di seguirlo. Il successo del teammate è una macchia troppo grande per coprire i colori della sua gara. Sveglia!

 

MAVERICK VINALES 4,5: Il buio che ha ricoperto il cielo della squadra ufficiale Yamaha non permette il passaggio di un raggio di sole neanche nel suo box. Maluccio!

 

VALENTINO ROSSI 3: Da mago della pioggia, tempo sei giri, si trasforma in mago Oronzo. Mai competitivo ma sempre in prima fila a sottolineare quelli che per lui sono i punti deboli della M1 ufficiale. Ma lo sviluppo chi lo dirige? Non c’è!

 

DUCATI: La grande bellezza…

 

HONDA: La grande sconfitta…

 

YAMAHA: Il grande mistero…

 

SUZUKI: Una grande in ripresa…

 

KTM: Sarà una grande….

 

APRILIA: Una grande ancora incompiuta….

 

GARA: La più bella dell’anno.

 

RISATE E RISATINE: Secondo voi cosa può spingere due persone a ridere di chi, per offrirci lo spettacolo che amiamo, rischia la vita in pista?

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9903 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*