Streaming in Italia, Netflix e Timvision si danno battaglia

Continua ad aumentare la platea di italiani che scelgono di utilizzare servizi di streaming video per guardare film o serie tv, mettendo da parte (o “tradendo” definitivamente) la vecchia Tv: a fare la parte del leone sono soprattutto i servizi di Netflix e Timvision, ma tutte le piattaforme sono in netto incremento rispetto all’anno scorso.

I video sul Web. A diffondere una fotografia piuttosto dettagliata del settore è stata l’agenzia di consulenza Ernst&Young, che ha redatto uno studio
destinato proprio ad approfondire il mercato dello streaming video in Italia, mettendo in risalto soprattutto alcune cifre. La più importante riguarda il
numero degli abbonamenti ufficialmente sottoscritti, che in Italia sono 1,9 milioni, mentre gli utenti effettivi dei contenuti multimediali sono più
del doppio, 4,3 milioni. 

Aumentano gli abbonati. Questa discrepanza si spiega con la natura del mezzo online, che consente (tollera, per così dire) la condivisione dell’accesso
con parenti o amici
 a fronte di un unico pagamento. Una strategia in netta diffusione, anche perché stanno aumentando anche le varie piattaforme di
streaming
, al punto che è difficile star dietro a un’offerta così ampia, che può creare disagi al momento di decidere “cosa vedere”.

Servizi pratici. Non a caso, una giovane start up italiana ha realizzato Filmamo, un sistema per consentire agli utenti di “stare dietro” a questa giungla di video:
si tratta di un software che rintraccia i “film streaming ita” (in gergo non internettiano, i film sul Web in lingua italiana) in tutto il panorama di servizi in abbonamento o gratuiti (ma anche in formato Bluray o Dvd), fornendo informazioni e dettagli precisi a chi vuole vedere esattamente quel video
in quel momento
.

I generi preferiti. In generale, gli utenti di contenuti video sul Web sono aumentati di quasi 3 milioni in un solo anno, superando quota 19 milioni
e arrivando a rappresentare circa il 58 per cento della base di utenti Internet nel nostro Paese. I servizi scelti più di frequente per i consumatori a
pagamento sono soprattutto quelli legati al cinema e alle serie tv, mentre tra le versioni gratuite ci si orienta per lo più sull’intrattenimento.

Una panoramica del settore. Accanto alle piattaforme a pagamento come Netflix, il nome più noto del segmento, ci sono infatti anche le offerte delle
reti generaliste tradizionali, che propongono sul Web contenuti online generalmente gratuiti, ampliando la disponibilità per gli utenti.
In termini numerici, i servizi online Over the top incoronano proprio Netflix come canale al comando delle scelte di chi si abbona, con 800 mila sottoscrizioni
tra settembre 2016 e luglio 2017, dato di poco superiore a quello di Tim Vision (la proposta dell’ex monopolista italiano della telefonia) che fa segnare 600 mila firme.

Continua a difendersi la Tv tradizionale. Seguono a distanza gli altri servizi a pagamento, come Infinity (l’on demand di Mediaset) con 300 mila abbonamenti e Now Tv (la variante Sky) con 250 mila, mentre bisogna attendere ancora dati ufficiali sul servizio innovativo di Amazon collegato per ora a Prime
(che già vanta circa 400 mila utenti). Eppure, nel mercato dei contenuti video online in Italia più della metà degli “spettatori” utilizza le piattaforme
digitali gratuite di RaiPlay, Mediaset.it, DPlay e La7.it, che ripropongono sul Web i palinsesti della Tv tradizionale oltre a video on demand.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*