Virtus Divino Amore, un calcio sempre più sicuro: Cuozzo responsabile del progetto di primo soccorso

Tra le tante novità annunciate dalla Virtus Divino Amore, una volta superati i noti problemi che ne hanno caratterizzato il periodo estivo, ce ne sarà anche una legata al tema della sicurezza in campo e della salute. La società capitolina, infatti, ha scelto un suo responsabile per un importante progetto di primo soccorso che verrà attivato a partire da settembre. Sarà Nicola Cuozzo, esperto centrocampista classe 1983 in forza alla Prima categoria, a occuparsi di questo delicato ruolo. «La società mi ha chiesto la disponibilità e io non mi sono tirato indietro».

Cuozzo sta terminando il corso di formazione denominato Pss-D (Primo soccorso sportivo defibrillato): al termine del percorso formativo il giocatore della Virtus Divino Amore avrà ottenuto una formazione specifica per affrontare ogni tipo di emergenza traumatica o medica su tutti gli apparati soggetti a rischi specifici (in gara e in allenamento) durante la pratica della disciplina sportiva, quali ad esempio concussione cerebrale, traumi addominali, nasali ed oculari, traumi osteo-articolari e altro ancora. Il corso, promosso dal Coni e dalla Federazione Medico Sportivo Italiana (Fmsi), è stato avviato nell’ambito di un progetto sulla salute che ha visto la diffusione (e l’obbligatorietà) della presenza di un defibrillatore all’interno degli impianti sportivi. «L’idea è quella di presenziare il più possibile ad allenamenti e partite in modo tale da assicurare la copertura di quel genere di figura durante le varie attività – spiega Cuozzo – A breve la sala solitamente riservata al massaggiatore dovrà trasformarsi in un vero e proprio presidio di primo soccorso, un ulteriore tassello di sicurezza e tranquillità in più per tutti i tesserati della Virtus Divino Amore».

Una novità importante che non rientra nell’ambito prettamente sportivo, ma che indubbiamente fa capire le intenzioni del club capitolino di lavorare con grande attenzione su ogni singolo dettaglio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*